Share this product

Rivista Sci
Gennaio 2016
edizione digitale

3,00

Il “brutto” della diretta

 

Quando appesi gli sci da gara al chiodo, nel 1986 (spero il più tardi possibile gli altri…), mi sarebbe piaciuto continuare a vivere nel mondo dello sci. Mi vennero in mente le parole di Aldo Giordani, famoso telecronista nell’epopea del basket italiano degli anni ’70 e papà di Claudia, la grande sciatrice milanese che conquistò la medaglia d’argento alle Olimpiadi di Innsbruck, nel 1976: “ Un giorno, ti ritroverai il microfono dello sci in mano!”. Debuttai subito con Bruno Gattai, a Telemontecarlo, anche se, dopo quella stagione, lasciai la diretta per entrare nello staff di Pianeta Neve, una trasmissione innovativa che, ai tempi di Tomba, era considerata il fiore all’occhiello dell’emittente monegasca, ad onor del vero allora di proprietà di una ricchissima famiglia brasiliana. Fu una meravigliosa gavetta professionale che, dopo 6 anni, indusse il mitico Furio Focolari, cui sono eternamente riconoscente, a convocarmi in Rai nel momento di massimo fulgore dello sci italiano. Tomba e Compagnoni stravincevano e… la Rai sbancava gli ascolti! Imparai tantissimo da Furio, vate della celebrazione del successo italico che, con il suo marcato timbro romano, sull’onda dell’entusiasmo per le gesta di un campionissimo nato a Bologna, sdoganò lo sci, dalle Alpi al mare. Quindi, affiancai a lungo Carlo Gobbo, caro amico e compagno di tante avventure nell’etere sin dopo le Olimpiadi di Torino 2006, per poi lavorare con Davide Labate, messinese con lo sci nel sangue. Questo preambolo, per dirvi che da 23 anni commento tutte le gare, senza saltarne mezza, ogni volta salendo sugli sci di questi grandi campioni che, immancabilmente, mi regalano emozioni fantastiche. Ma non è sempre tutto oro quel che luccica. Ci sono anche momenti difficili da condividere con il pubblico in ascolto e le cuffie, un’ovatta ormai amica che ti isola e protegge mentre parli, diventano strumento claustrofobico: a volte vorrei fuggire da quella prigione! L’entusiasmo, l’eccitazione, finanche l’esaltazione innescate da virtuosismi inimmaginabili, improvvisamente possono spegnersi nel rovescio della medaglia dello sci, sport improntato alla velocità, paradigma che trascende la sicurezza blindata, per quanti sforzi siano stati fatti e si continuino a fare in tal senso. Se la telecronaca mi rinnova, moto perpetuo, l’illusione di calcare le piste di tutto il mondo, come se sugli sci di Paris o Kristoffersen ci fossi io, in una sorta di gioco virtuale che, senza soluzione di continuità, mi accompagna da quando smisi di essere protagonista diretto, ho sperimentato anche molta paura, indicibile tensione e fortissimo disagio. Cosa potevo dire quando lo svizzero Albrecht atterrò di schiena dopo un volo di 70 metri sull’ultimo salto della Streif di Kitzbhuel, nel 2009? Era in coma, immobile sul ghiaccio luccicante ed io, paralizzato dal terrore, dal dolore…. Ho citato Daniel, poi ripresosi miracolosamente, come esempio di tanti incidenti gravi vissuti in telecronaca, una tragica lista indelebilmente stampata nelle mia memoria che non intendo elencare. Vi basti sapere che, in quei frangenti, mi sono sempre pentito di aver scelto il mestiere che faccio. Vi ho raccontato per sommi capi la mia storia, stimolato dagli ultimi episodi successi in Coppa del mondo, di cui parlo in altro articolo agganciandomi ad imprese e cadute storiche. Tranquilli, la chiave di lettura sarà leggera e, spero, divertente, considerato il senno del poi, ovvero che Innerhofer, sciando a 145 km orari con un palo sulla schiena che avrebbe potuto infilzarlo come un passero o Hirscher, sfiorato da un drone che lo avrebbe asfaltato, sono entrambi… vivi e vegeti!

COD: ED_SCI 60_324 Categoria: Tag:

201601 SCI 60_324