Wada: Russia sospesa per 4 anni da Mondiali e Olimpiadi Tokyo 2020 e Pechino 2022

Vittorio Savio by

Colpo di scure della Wada sulla Russia sportiva: niente Mondiali e niente Olimpiadi per i prossimi 4 anni.

Russia dunque fuori dalle Olimpiadi e dai campionati del mondo per i prossimi quattro anni, travolta dallo scandalo doping. La scure della Wada (Agenzia mondiale antidoping) è calata su Mosca, bandita dalla partecipazione ai principali tornei sportivi internazionali, giochi estivi di Tokyo 2020 compresi come pure quelli invernali di Pechino 2022 e i Mondiali biathlon di quest’anno ad Anterselva e di sci alpino 2021 di Cortina del prossimo anno.

Una decisione, riportata dall’agenzia Ansa, che i 12 membri del comitato esecutivo della Wada hanno preso all’unanimità, dopo aver concluso che la Russia ha manomesso i dati di laboratorio con prove false ed eliminando i file collegati a test antidoping positivi che avrebbero potuto aiutare a identificare gli sportivi dopati. Violazioni che risalgono al gennaio 2019.

Nell’arco dei 4 anni, la Russia non potrà inoltre ospitare o concorrere all’assegnazione d’importanti tornei sportivi internazionali. Banditi dai principali tornei sportivi internazionali, sempre per lo stesso arco di tempio, i funzionari statali russi, nonché i funzionari del Comitato Olimpico Russo (ROC) e del Comitato Paralimpico Russo (RPC).

Quella nei confronti dello sport russo è la sanzione sportiva pù pesante della storia nei confronti di una intera nazione. I provvedimenti saranno comunque applicabili solo dopo l’eventuale conferma da parte del TAS, il tribunale sportivo internazionale di Losanna, a cui la Russia farà sicuramente ricorso.

Foto: EPA/Kay Nietfeld

Ti potrebbe piacere...