Mondiali Are 2019: Mayer il più veloce in 1/a prova discesa, gli italiani si nascondono

Vittorio Savio by

Prima prova della discesa libera maschile ai Mondiali di Are 2019 targata Austria con Matthias Mayer davanti a tutti e con gli azzurri nascosti.

Dominik Paris e Christof Innerhofer hanno tirato un po’ il freno a mano, quasi tutti gli altri big no, su un tracciato accorciato – partenza dal superG – causa vento forte nella parte alta. Uno dei favoriti della gara iridata, Matthias Mayer, stabilisce  il miglior tempo con 1’18″85, davanti al connazionale Hannes Reichelt – con salto di porta però – e al norvegese Alexander Aamodt Kilde.

Sono tutti atleti che in superG hanno deluso, per quanto l’austriaco fosse in testa al secondo intermedio prima di saltare una porta. Mercoledì non si sono espressi al massimo neppure gli altri norvegesi Jansrud e Svindal, oggi quarto e quinto, o lo stesso Beat Feuz, che si è classificato sesto nel training e sabato tornerà a vestire i panni di avversario da battere, essendo campione del mondo in carica (St. Moritz 2017) e leader della classifica di specialità in coppa.

Il migliore degli azzurri in prova è stato il neo campione del mondo di superG, Dominik Paris, 24/o a 1″37 da Mayer. L’altoatesino, dopo una sbavatura all’altezza della partenza del gigante, ha preferito andar giù accelerando solo a tratti, provando più che altro le linee, nella speranza che venerdì possa testare la pista dall’alto, visto che a causa del vento stavolta la partenza è stata abbassata a quella del superG.

“Non ho fatto festa dopo la medaglia – spiega Paris – la farò a casa, alla fine del Mondiale. Oggi ho provato a spingere un po’ in alcuni tratti, e ho fatto un errore all’altezza della partenza del gigante. Comunque la pista è bella e mi piace. Bisognerà vedere il meteo come si metterà, perché qui le condizioni possono cambiare da un giorno con l’altro”.

Non molto distanti dal tempo di Paris i suoi compagni Mattia Casse, 27/o, e Christof Innerhofer,  30/o, con quest’ultimo che aveva cominciato bene e poi ha chiaramente frenato sul traguardo,scendendo curvando più volte, e accumulando gran parte del distacco negli ultimi due-trecento metri.

“E’ una pista facile e abbastanza lenta – ci dice il finanziere di Gais – non bisogna sciare in modo aggressivo altrimenti non si va avanti. Posso paragonare questa pista a quella di Kvitfjell. La discesa sarà una gara con distacchi molto ridotti tra i migliori”.

Più lontano Matteo Marsaglia, 37/o. Ha provato la pista anche Riccardo Tonetti in vista della combinata: ha chiuso con il 67/o tempo a 3″96 da Mayer.

Domani alle ore 10.30 è in programma la seconda prova cronometrata, sperando finalmente con partenza da in cima.

Foto: Fisi-Marco Trovati/Pentaphoto

Ti potrebbe piacere...

RIVISTA SCI news

Sofia Goggia ambasciatrice di Cortina 2021

Sofia Goggia è la nuova Ambassador dei Mondiali di Cortina 2021. La presentazione ufficiale questo pomeriggio nella cittadina ampezzana.

L’olimpionica bergamasca è, da sempre, una grande amante della Regina delle Dolomiti e questo accordo è…