Mondiali Are 2019: Goggia, Brignone, Marsaglia e Fanchini a caccia del titolo iridato in superG

Vittorio Savio by

Si assegna domani il primo titolo iridato a questa 45/a edizione dei Mondiali di Are in Svezia: quello del superG. Quattro le italiane al via.

Saranno dunque quattro le azzurre che andranno a caccia di une delle tre medaglie iridate che si assegneranno domani nel superG, la gara che apre la rassegna iridata sulle nevi svedesi. In pista scenderanno per i colori azzurri: Sofia Goggia (pettorale 3), Francesca Marsaglia (8), Nadia Fanchini (12) e Federica Brignone (17).

Quest’oggi tutte e quattro hanno potuto saggiare la neve aggressiva e particolarmente ghiacciata, viste le temperature glaciali di questi giorni, del tracciato di Are. Sicuramente molte saranno state le indicazione soprattutto per gli ski-men per poter preparare in queste ore i migliori materiali. Una rincorsa al titolo iridato che  avrà comunque molte pretendenti.

Campionessa uscente l’austriaca Nicole Schmidhofer, presente anche qui ad Are che potrà difendere così il titolo conquistato due anni fa a St. Moritz. L’austriaca dovrà però vedersela con molte agguerrite avversarie ad iniziare da Mikaela Shiffrin, che oggi non ha preso il via nella prova di discesa per riposarsi un po’, quindi Lindsey Vonn a caccia dell’ennesima medaglia alla sua ultima apparizione ad un mondiale, passando per Ilka Stuhec, Viktoria Rebensburg, la francese Romane Mirandoli, senza dimenticarsi della campionessa olimpica uscente, la ceka Ester Ledecka quest’oggi finita però fuori in prova dopo un errore in uscita di un salto. Attenzione però anche alla pattuglia elvetica con  Corinne Suter e Lara Gut-Berhami o alla Tina Weirather del Liechtenstein

Non potranno mancare certo le sorprese come ogni rassegna iridata o Olimpiade ha sempre regalato anche in passato. In casa Italia le potenzialità ci sono soprattutto con Brignone e Goggia, anche se entrambe per vari motivi sono un po’ in carenza di allenamento in questo momento. Ma come da loro carattere ci proveranno certamente a dire la loro.

L’Italia in questa specialità ha conquistato solo tre medaglie. L’ultima medaglia d’oro in questa specialità fu vinta 22 anni fa da Isolde Kostner, a Sestriere ’97 e che fece seguito a quella conquistata un anno prima a Sierra Nevada. L’argento, invece, fu ottenuto da Lucia Recchia nell’edizione del 2005 a Bormio, sulla pista di Santa Caterina Valfurva.

Saranno 45 le atlete, la prima a partire alle ore 12.30 sarà l’elvetica Jasmine Flury (diretta tv su RaisportHD ed EurosportHD).

Ti potrebbe piacere...