Marcel Hirscher continua la sua carriera agonistica e non si ritira

Vittorio Savio by

Marcel Hirscher non si ritira e prosegue ancora per due anni la sua carriera agonistica. In pista dal gigante di Soelden di fine ottobre.

Il sette volte campione del mondo Marcel  Hirscher ha annunciato in una conferenza stampa che proseguirà a gareggiare dopo mesi di speculazioni sul suo possibile ritiro. Già a fine stagione aveva comunque firmato il rinnovo per altri due anni con il suo main sponsor Atomic.

“Dopo l’ultima stagione agonistica avevo anche pensato al ritiro, ma poi ho svolto molto lavoro di monitoraggio, riflessione e preparazione e mi sono reso conto di avere ancora molti stimoli per continuare la mia carriera anche nella prossima stagione. Il fisico sento che è disposto ad andare ancora oltre i miei limiti”, ha dichiarato il  29enne salisburghese al centinaio di media internazionali arrivati per ascoltarlo sulle rive del lago di Fuschl am See, nelle vicinanze di Salisburgo. Tuttavia, Hirscher non ha svelato se ha intenzione di non gareggiare più nelle discipline di velocità e fare solo lo slalom e il gigante.

“Sarà una  stagione di coppa del mondo ancora con Marcel, ma non posso dire in quale formae con quali obiettivi”, ha poi aggiunto l’austriaco. La prossima stagione dello sci alpino inizia il 28 ottobre con lo slalom gigante a Soelden. Il Mondiale in Svezia il prossimo febbraio sarà però il momento clou dell’inverno.

Confermato completamente il team personale che lo ha seguito in questi ultimi anni con papà Ferdinand. La preparazione sulla neve avrà inizio in agosto sui ghiacciai austriaci evitando anche quest’anno la trasferta nell’emisfero australe. Prevista comunque la partecipazione al superG di Kitzbuehel, come pure alla combinata di Bansko a fine febbraio 2019.

A settembre Marcel Hirscher diventerà anche padre per la prima volta. “Avrò priorità e responsabilità differenti – ha aggiunto il futuro papà – ma non vedo l’ora di vivere questi momenti insieme a mia moglie Laura”.

Foto:  GEPA pictures/Daniel Goetzhaber

Ti potrebbe piacere...