Dominik Paris fa crack: rottura legamento crociato, stagione finita

Vittorio Savio by

La notizia shock che non avresti mai voluto ricevere: Dominik Paris si è infortunato in allenamento. Stagione finita.

Durante una sessione di allenamento di superG, che si è svolta questa mattina a Kirchberg, una località a poca distanza da Kitzbuehel, Dominik Paris è scivolato in una curva ed è caduto.

Nonostante alcune smentite ufficiali arrivate quando è circolata la voce sui social, purtroppo poi alle 17.39 la Fisi ha poi finalmente comunicato quanto segue: “Dopo aver effettuato la radiografia e la risonanza magnetica presso una clinica di Kitzbuehel e dopo un consulto con la Commissione medica FISI, è emersa la diagnosi che parla di rottura del crociato anteriore del ginocchio destro e micro-frattura della testa del perone”.

“La mia stagione finisce qui – ha detto poi Paris tramite la Fisi -. Purtroppo mentre scivolavo lo sci interno ha preso troppo la neve e il legamento si è rotto. Non c’è molto da aggiungere. Nei prossimi giorni valuteremo, insieme allo staff medico, il da farsi”. Paris rientrerà a casa per un po’ di riposo e nei prossimi giorni sarà nuovamente a consulto con la Commissione medica federale.

“Son cose che non si vorrebbe mai che succedessero – ha commentato il Presidente della FISI, Flavio Roda -. La Federazione, come sempre, darà il massimo supporto a Paris perché si ristabilisca nei tempi più corretti. E aspetteremo il suo ritorno alle gare”.

Tutto ciò proprio alla vigilia proprio di quella discesa di Kitzbuehel, di quella Streif dove ha già vinto 4 volte, tre in discesa ed una in superG, e dove puntava a al poker per raggiungere due mostri sacri come Franz Klammer e Karl Schranz ed avvicinare a quota cinque l’elvetico Didier Cuche.

Addio dunque anche a sogni di rincorsa alla coppa di discesa e superg, ma anche ad un possibile podio in quella generale. Ora si dovrà quasi certamente operare per tornare più competitivo che mai il prossimo anno quando ci saranno anche da affrontare  i Mondiali di casa a Cortina d’Ampezzo.

Foto: Fisi-Pentaphoto/Alessandro Trovati

Ti potrebbe piacere...