Dolomiti Superski, la stagione sciistica inizierà regolarmente

Redazione On Line by

Nonostante i disagi e i danni causati dal maltempo che hanno interessato le Dolomiti, le date di apertura fissate nei comprensori del Dolomiti Superski saranno tutte rispettate.

In tante zone montane si lavora per tornare alla normalità e tutto sarà pronto in tempo per la prima tornata di aperture fissata per il 30 novembre e la seconda per la settimana successiva.

Le 12 aree sciistiche del Dolomiti Superski non hanno subito gravi danni e in questi giorni si lavora soprattutto per la rimozione degli alberi caduti e a controlli di stabilità ed efficienza degli impianti interessati ma per ora sono stati constatati solo danni di lieve entità.

Le zone più colpite sono state quelle del comparto meridionale delle Dolomiti, e i danni maggiori sono relativi alla caduta di alberi che sono andati a intaccare le linee elettriche e in pochi casi, comunque risolvibili in un ragionevole lasso di tempo, gli impianti di risalita.

Nella sci area Civetta e Falcade San Pellegrino piste e impianti sono a posto, ad Arabba c’è stato qualche smottamento e qualche danno da erosione che ha interessato in maniera comunque non preoccupante le piste e che sono già in fase di sistemazione.
In Marmolada e in zona Padon è esondato un torrente, si stanno ancora verificando nel dettaglio i danni ma tutto dovrebbe essere sistemato in tempi brevi. L’area di Carezza ha già risolto la maggior parte delle problematiche emerse.
In generale ci sono ancora condotte elettriche interrotte, sono stati predisposti allacciamenti provvisori e le società Terna ed Enel Distribuzione stanno lavorando per il ripristino delle linee.

Tutte le altre ski area non hanno avuto danni se non marginali. Per quanto riguarda la viabilità invece sono ancora chiusi alcuni tratti di strada nei pressi di Misurina, Val Fiorentina, Passo Lavazé e Passo Fedaia mentre ci sono limitazioni per i veicoli pesanti nelle zone di Agordo e Cencenighe Bagordino.

Ti potrebbe piacere...