Chamonix: Daniel Yule al comando dello slalom, 3/o Gross, fuori Vinatzer, Maurberger e Kristoffersen

Vittorio Savio by

L’elvetico Yule comanda lo slalom di Chamonix, 3/o Stefano Gross. Fuori il leader della graduatoria generale Henrik Kristoffersen e Alex Vinatzer.

Ancora l’elvetico Daniel Yule a comandare la prima manche dello slalom speciale maschile di Chamonix. Sulle nevi della Savoia l’elvetico ha concluso con il tempo di 47″81 precedendo di soli 24 centesimi il padrone di casa Clement Noel seguito dal nostro Stefano Gross finito a 47 centesimi. Il fassano trova una manche in progressione riuscendo a stare incollato ai migliori nonostante il pettorale decisamente più alto (#20) rispetto a chi lo precede.

Quarto Alexis Pinturault (+0.48), quinto il norvegese Sebastian Foss-Sollevaag a 82 centesimi a pari tempo con l’austriaco Marco Schwarz.

Tracciato della Verte des Houches non particolarmente impegnativo, rispetto ad esempio al muro di Campiglio o Schladming, se non per il fondo ghiacciatissimo complice la barratura resasi necessaria a causa della carenza di neve, ma insidioso per le temperature decisamente miti per il periodo che hanno deteriorato il fondo subito dopo il passaggio di primi pettorali.

Con il settimo tempo troviamo un altro elvetico, Ramon Zehnhausern (+0.84) a precedere il russo Alexander Khoroshilov (+0.90), 9/o il giovane austriaco Adrian Pertl, 10/o il tedesco Linus Strasser , 11/o il norvegese Haugen e 12/o il britannico Dave Ryding tutti e quattro già ad oltre un secondo da Yule.

Giornata di inforcate per gli altri azzurri, tranne un bravissimo Riccardo tonetti che con il 55 chiude 18/o a +1.72, come bravo è stato Tommaso Sala che conclude appena fuori dai top20  (23/o a +1.94), 30/o Federico Liberatore 30/o a +2.28. Fuori purtroppo a metà tracciato Alex Vinatzer, reduce da due giorni di influenza, con una inforcata-non inforcata che ha tratto in inganno il gardenese che si è fermato come prevede il regolamento, pena una multa, tra l’incredulità dei sui allenatori. Le immagini poi però hanno confermato l’inforvcata quasi impwercettibile a occhio nudo. Seguito poi a ruota anche dai compagni di squadra Simon Maurberger e poi Giuliano Razzoli.

Pesante l’inforcata, invece, di Hernik Kristoffersen, leader attuale della graduatoria generale, incappato con il suo sci a quattro porte dall’arrivo in una porta malandrina che lo ha messo subito fuori gioco consentendo così agli avversari di recuperargli punti importanti per la graduatoria generale, ma anche in quella di specialità.

Seconda manche in programma alle ore 13.00 (diretta tv su RaisportHD ed EurosportHD).

Foto: Rivista Sci/Felice Calabrò

Ti potrebbe piacere...