Adelboden: Kristoffersen di pochi centesimi davanti a Hirscher, 14/o Moelgg

Vittorio Savio by

Nel tempio del gigante di Adelboden è del norvegese Henrik Kristoffersen il miglior tempo nella prima manche del gigante: la spunta per pochi centesimi su Hirscher e Pinturault.

Un quartetto racchiuso in 22 centesimi quelli che si giocano il podio virtuale di questa prima manche del gigante maschile di coppa del mondo ad Adelboden in Svizzera.

Guida il norvegese Kristoffersen, partito con il pettorale 1, sull’impegnativa Kuonisbaergli, con 12 centesimi di vantaggio sul leader di specialità, l’austriaco Marcel Hirscher, sceso però con il pettorale 7, quando la pista non era più così intonsa come per il norvegese, e macchiata da qualche imprecisione. Terzo tempo per il francese Alexis Pinturault in ritardo di 18 centesimi, autore di una ottima prova anche oggi seguito da un “cattivo” Stefan Luitz, il vincitore di Beaver Creek, squalificato dalla Fis per aver infranto una regola sul doping, in ritardo di 22 centesimi..

Gara che resta interessante con meno di un secondo di distacco per i migliori dieci. Quinto tempo per lo statunitense Tommy Ford (+0.39), seguito da Thomas Fanara (6/o a +0.44) e Leif Kristian Nestvold-Haugen (7/o a +0.69).

Fuori dai top10 resta Manfred Moelgg, il migliore al momento degli azzurri, che fatica però a stare incollato ai migliori. Paga un errore nella parte alta e la condizione fisica non certo tra le migliori dovuta ad un leggero stato influenzale, concludendo 14/o a +1.77 da Kristoffersen. “Troppo lento soprattutto nella parte iniziale – racconta Moelgg – quest’anno purtroppo le cose in gigante vanno in questo modo. Questa settimana non riuscito riuscito ad allenarmi come avrei voluto, ma guardiamo sempre avanti e c’è ancora una manche”.

In balia della pista e degli sci Riccardo Tonetti non riesce a trovare la quadra del cerchio finendo a 16/o a +2.00. “Non sono assolutamente contento della mia manche – conferma il bolzanino – sono stato molto più rigido del solido, devo sicuramente migliorare per la seconda manche”.

Pasticcia troppo anche un Luca De Aliprandini scivolato di linea più volte ed alla fine al traguardo paga un ritardo di +2.25 (20/o). “Mi sono piantato un po’ a metà – spiega al traguardi il trentino – quest’anno non riesco a trovare continuità sono sempre un po’ indietro con il peso del corpo andiamo avanti e cerchiamo di fare meglio nella seconda, dove non avrò molto da perdere”. Qualifica in tasca anche per Simon Maurberger a 22/o a +2.37. Fuori dopo 20 secondi Giulio Bosca, che risale la porta e conclude comunque la sua prova a +8.78. Non si qualifica per poco Giovanni Borsotti (8 centesimi), come pure il debuttante Giulio Zuccarini (+5.75), mentre non termina la sua prova Andrea Ballerin.

Seconda manche prevista alle ore 13.30 (diretta tv su RaisportHD e EurosportHD).

Ti potrebbe piacere...