PyeongChang 2018: Arianna Fontana è d’oro nei 500 mt. dello short track

Vittorio Savio by

L’Italia conquista nel pattinaggio di short track femminile sulla distanza dei 500 metri la prima medaglia d’oro di questa Olimpiade di PyeongChang 2018, dopo il bronzo del biathlon con Dominik Windisch. A conquistarla la portabandiera azzurra Arianna Fontana.

Arriva il primo oro per l’Italia a questa Olimpiade di PyeongChang dopo il bronzo di Dominik Windisch nel biathlon. La conquista la portabandiera azzurra Arianna Fontana, prima europea nella storia ad ottenerla nella specialità short track. L’azzurra ha così completato il bottino di medaglie, dopo il bronzo di Vancouver 2010 e l’argento di Sochi 2014 sulla distanza dei 500 metri. Ventiquattro anni dopo la 27enne valtellinese porta il suo bottino personale di medaglie a quota sei (1 oro, 1 argento e 4 bronzi) in quattro Olimpiadi consecutive, da Torino 2006 in poi. Un oro che mancava nel nostro medagliere dall’Olimpiade di Vancouver 2010 con Giuliano Razzoli nello slalom speciale. Per gli sport del ghiaccio itaaliani è il primo oro al femminile nella storia.

La Fontana, in testa dall’inizio della finale, ha dovuto soffrire fino all’ultimo quando sul filo di lana c’è stato il ritorno della sua inseguitrice, la coreana Minjeong Choi, poi squalificata per una scorrettezza. C’è voluto il fotofinish per stabilire se l’azzurra fosse stata in grado di aver la meglio della coreana e protare a casa questo meritato oro, dopo una rincorsa durata tutta la giornata. Le avversarie dell’azzurra  nella Gangneung Ice Arena sono state oltre alla coreana squalificata, l’olandese Yara Van Kerkhof (argento) e la canadese Kim Boutin, ripescata all’ultimo per questa finale, a cui è andato il bronzo.

Per l’Italia si tratta della 116/a medaglia alle Olimpiadi, la 38/a d’oro.

Nel medagliere ora l’Italia sale in 9/a posizione, con 1 oro, zero argenti e 1 bronzo. Guida sempre la Germania con 4 ori, 1 argento e 2 bronzi. Seconda è l’Olanda (3-2-2), quindi terzi sono gli Usa con (3-1-2).

Foto: foto Gian Mattia D’Alberto – LaPresse

Ti potrebbe piacere...

RIVISTA SCI news

Da dove prende il nome l’Abetone?

L’Abetone è la maggiore stazione sciistica della Toscana, una delle migliori e più vaste di tutto l’Appennino.

Ma da dove deriva il nome? La stazione sciistica in provincia di Pistoia dove è nato Zeno Colò…

RIVISTA SCI news

I 3 migliori cocktail di montagna

Anche in montagna, lontano dai celebri cocktail bar delle grandi città, si possono bere miscelati di prim’ordine.

Bere bene in un locale tranquillo, immersi in un’atmosfera calda ed esclusiva è una soddisfazione che in montagna,…