Innsbruck 2026: vincono i “No” al referendum, niente candidatura olimpica

Vittorio Savio by

Innsbruck 2026: i tirolesi bocciano la candidatura alle Olimpiadi invernali del 2026. Bolzano non ospiterà partite del torneo di hockey.

Con il 53,35% dei “No” i tirolesi hanno bocciato la candidatura di Innsbruck a sede dei Giochi Olimpici del 2026. I risultati sono arrivati ieri sera al termine delle elezioni politiche a cui il referendum, per quanto riguarda il Tirolo, era collegato.

Hanno vinto dunque  i “no” con oltre 310mila voti negativi sui  530mila aventi diritto secondo quanto riporta la televisione di stato ORF. L’analisi del voto fa inoltre capire come siano stati propri i cittadini di Innsbruck e dei grandi centri a sbilanciare il voto verso il no, con il 67% dei contrari, mentre le valli hanno dato parare favorevole.

A St. Anton am Arlberg o a Seefeld, possibili sedi olimpiche, i favorevoli ad ospitare le Olimpiadi sono stati, invece, oltre l’80%. Con questa bocciatura sfuma anche la possibilità per l’Alto Adige ed in particolare per Bolzano, secondo gli accordi presi con gli organizzatori del Tirolo, di ospitare nel suo “Palaonda” alcune partite del torneo olimpico di hockey su ghiaccio.

Un risultato che non farà piacere al CIO che nell’ottobre 2019 deciderà a chi assegnare i Giochi 2026, con il problema di avere sempre pochi candidati concreti in corso per l’evento.

La più solida sembra essere quella di Sion, hanno mostrato interesse anche Salt Lake City (Usa), Calgary (Canada) dove però si attende anche qui una consultazione elettorale, Lillehammer (Norvegia), Sapporo (Giappone) e Almaty (Kazakistan), battuta da Pechino per il 2022. Il Tirolo tra l’altro aveva già bocciato l’idea di candidarsi per i Giochi nel 1993 e 1997, mentre 4 anni fa i bavaresi aveva votato allo stesso modo contro la candidatura di Monaco per i Giochi 2022.

Per l’Europa l’ultima edizione dei Giochi Olimpici invernali è stata quella del 2006 di Torino, a cui hanno fatto poi seguito quella di Vancouver 2010 (Americhe), Sochi 2014 (Asia), PyeongChang 2018 (Asia), Pechino 2022 (Asia). Se i Giochi del 2026 dovessero andare ad una località non europea, per il nostro continente alpino si tratterebbe del più lungo digiuno da sede olimpica invernale nella storia degli sport della neve e del ghiaccio (vent’anni e 5 edizioni).

Ti potrebbe piacere...

RIVISTA SCI

10 offerte per un’Immacolata su gli sci

Quest’anno non c’è un vero Ponte, ma l’Immacolata rimane comunque il weekend che per tradizione inaugura ufficialmente la stagione sugli sci. Tanto più che proprio nel periodo pre-natalizio ci sono tante offerte speciali. Ecco…