Christof Innerhofer si allena a Passo Furcia, Fede Brignone in Val di Fassa

Vittorio Savio by

Christof Innerhofer e Federica Brignone hanno scelto le nevi del Trentino-Alto Adige per preparare i prossimi appuntamenti di coppa del mondo. Il finanziere azzurro lo farà in questi giorni a Passo Furcia, mentre la carabiniera azzurra lo ha fatto sulle nevi trentine della Val di Fassa, provando il tracciato di gara dei mondiali junior del 2019.

Rientrati dal Nord America alcuni dei protagonisti della squadra azzurra hanno deciso di allenarsi sulle nevi del Trentino-Alto Adige. Christof Innerhofer farà campo base a Passo Furcia-San Vigilio di Marebbe in Alto Adige, a due passi da casa sua a Gais, Federica Brignone ha fatto visita alla Val di Fassa.

Il finanziere della Val Pusteria è reduce dalla trasferta americana di Beaver Creek dove si è classificato tredicesimo nel super-g e quarto nella discesa libera. A seguirlo sulle nevi altoatesine ci sarà l’allenatore Hansjorg Plankensteiner. Gli allenamenti, improntati sullo slalom, si svolgeranno venerdì 8 dicembre. Le prossime gare di Coppa del mondo a cui prenderà parte Innerhofer saranno quelle in Val Gardena: il 15 dicembre ci sarà il Super-g, mentre il 16 la discesa libera.

“Una pista stupenda, che premierà gli sciatori di qualità”: così si è espressa Federica Brignone, che nei giorni scorsi ha preparato in Val di Fassa i prossimi impegni di Coppa del Mondo, al termine della seduta d’allenamento svolta sul pendio de ‘La VolatA’, la pista che ha recentemente ottenuto l’omologazione internazionale e nazionale per le gare di discesa libera, super-g, gigante e speciale e che, nel 2019, sarà teatro delle prove veloci dei Mondiali Junior della Val di Fassa, non prima di aver ospitato nelle giornate del 20 e 21 dicembre prossimi una due giorni di Coppa Europa femminile di discesa libera.

La sciatrice della nazionale, reduce dal quinto posto conquistato nello slalom gigante di Killington al debutto stagionale, si è allenata sul tracciato che da Col Margherita scende verso Passo San Pellegrino e che presenta uno sviluppo di 2400 metri e 630 metri di dislivello.

“La pista mi è piaciuta moltissimo – commenta Federica Brignone – Ho sfruttato soprattutto la parte alta e secondo me il pendio è ideale per le discipline veloci. Ha tutto: una parte pianeggiante, dossi, compressioni, cambi di ritmo. Un tracciato che premierà gli sciatori che riescono ad abbinare tecnica e fisico e che richiede un’ottima memoria”.

Durante i test sulle piste che ospiteranno i Mondiali junior 2019, la Brignone ha fatto anche un tuffo nel passato, rispolverando i ricordi di quelle che furono le sue prime esperienze iridate, lei che da junior fu oro mondiale in combinata nel 2009 e argento in gigante nel 2010.

“Ho partecipato a quattro edizioni dei Mondiali junior e ho uno splendido ricordo – conclude Federica – A quell’età rappresentano la massima aspirazione per un giovane atleta, l’appuntamento clou dell’inverno. Sono le prime occasioni in cui rappresenti l’Italia, in cui gareggi non solo per te, ma anche per la tua nazione. Ricordo quelle trasferte, anche perché le sentivo in maniera particolare“.

L’evento iridato vivrà un importante momento sabato 9 dicembre alle 11.30, quando, presso la stazione a monte della funivia Col Margherita, la Ski Area San Pellegrino inaugurerà ufficialmente la pista ‘La VolatA’, alla presenza anche del presidente della Provincia di Trento Ugo Rossi, dell’assessore alla Cultura e allo Sport della Provincia di Trento Tiziano Mellarini, dell’assessore al Turismo della Provincia di Trento Michele Dallapiccola, del presidente della Federazione Italiana Sport Invernali Flavio Roda e del Comitato Trentino Fisi Angelo Dalpez.

Foto: Fisi-Pentaphoto

Ti potrebbe piacere...