US Open: Woodland resta leader, Rose e Koepka a ridosso, 17° Molinari

Redazione On Line by

Il leader mondiale a caccia del clamoroso tris. Nella volata finale qualche chance anche per McIlroy

Gary Woodland ha tenuto un buon passo rimanendo al comando con 202 (68 65 69, -11) nel 119° US Open, il terzo major stagionale che si sta svolgendo sul percorso del Pebble Beach Golf Links (par 71), a Pebble Beach in California, dove Francesco Molinari, 17° con 211 (68 72 71, -2) ha guadagnato due posizioni, e Tiger Woods, 27° con 213 (70 72 71, par), è risalito di cinque.

Woodland, 35enne texano di Topeka, tre titoli nel tour, ha realizzato un parziale di 69 (-2, tre birdie, un bogey) e ha dovuto cedere un colpo a Justin Rose, secondo con 202 (-10), ma sono aumentate, secondo le statistiche, le sue probabilità di vittoria, poiché sono stati 52 il leader dopo tre turni (contro i 41 del secondo) ad alzare il trofeo.

Brooks Koepka, numero uno mondiale e campione in carica a caccia del terzo successo consecutivo dopo quelli del 2017 e 2018, per emulare lo scozzese Willie Anderson, unico a riuscire nell’impresa tra il 1903 e il 1905, ha alimentato le sue speranze portandosi dal sesto al terzo posto con 206 (-7), ma dovrà ricorrere a tutta la sua classe per annullare sia i quattro colpi di svantaggio da Woodland, che i tre da Rose. Terzi anche Chez Reavie e Louis Oosthuizen e chance per Rory McIlroy, settimo con 207 (-6), sebbene sembra aver perso la spinta che in passato lo caratterizzava.

Lunga la lista di chi è ormai fuori gioco (e deluso) a iniziare da Jon Rahm, pur se nono con 209 (-4), e per proseguire con Xander Schauffele e Adam Scott, 14.i con 210 (-3). Ha viaggiato di pari passo con Molinari il numero due del world ranking Dustin Johnson e sono nell’anonimato di metà classifica Rickie Fowler, Sergio Garcia e Jordan Spieth, 33.i con 214 (+1), Bryson DeChambeau e Phil Mickelson, 48.i con 216 (+3), con quest’ultimo che non completerà neanche questa volta il Grande Slam con l’unico major che manca nel suo palmarés e dove è stato per sei volte runner up.

Tiger Woods è andato in altalena con cinque birdie e altrettanti bogey per il 71 del par. Ha colto 10 fairway su 14, undici green su 18 e ha avuto bisogno di 30 putt.

Per Francesco Molinari cinque buche, dalla terza alla settima, in cui è successo di tutto con tre birdie, un bogey e un doppio bogey, poi ha guadagnato un colpo sul par con un birdie nel rientro, ma lo ha perso con un bogey sull’ultimo green. E’ uscito al taglio Renato Paratore, 118° con 149 (75 74, +7), al suo primo major. Il montepremi è di 12.500.000 dollari.

Il torneo su Sky – L’US Open viene teletrasmesso in diretta e in esclusiva da Sky, canale Sky Sport US Open (205). Quarta giornata: domenica 16 giugno dalle ore 20,30 alle ore 4.

Ti potrebbe piacere...

GOLF TODAY

Grundig entra nel mondo del Golf

Una partnership all’insegna di valori condivisi

 

Grundig, brand leader di elettrodomestici per la tua casa, approda nel mondo del Golf e presenta il “Respect Food Tournament”, un circuito in 5 tappe che si disputerà da…