La sacca del campione #USOpen

Gaia De Simoni by

Brooks Koepka ha conquistato ieri con un fantastico score totale di -16 il 117esimo US Open di Erin Hills.

Il suo primo Major, arrivato grazie a una settimana perfetta, scandita da quattro risultati in 67, 70, 68 e di nuovo 67, che l’hanno incoronato campione a ben quattro lunghezze dai runner up.

Complice di questo successo è sicuramente la sacca dell’americano, che racchiude in sé una storia davvero che interessante.

Koepka, da sempre accompagnato dai bastoni Titleist, decise di abbandonare la compagnia a inizio 2016 per firmare un importante accordo con Nike Golf.

Ma ecco che, dopo appena 7 mesi di contratto, Nike decise di uscire dal mercato dell’attrezzatura lasciando Koepka, e gli altri tanti giocatori sponsorizzati dalla casa americana, con un dilemma: continuare con lo swoosh o cambiare?

Fu così che il neo campione dello US Open decise di puntare su ben due prodotti: Mizuno e TaylorMade.

In sacca troviamo infatti il driver M2 di Taylor, ma anche la versione M2 del legno 3.

Per quanto riguarda Mizuno, nonostante non sia sotto contratto, Koepka gioca regolarmente i ferri JPX 900 Tours, comparsi in sacca a inizio stagione dopo mesi di prove e allenamento.

Si tratta di ferri creati apposta per lui, seguendo le sue caratteristiche fisiche e di gioco.

Di certo, questo set gli ha dato un’importante mano ad Erin Hills, ma nonostante questo sembra che non continueranno la loro permanenza in sacca.

Koepka ha infatti comunicato a Jeff Cook, PGA Tour manager di Mizuno, di volere un nuovo set di bastoni per il prossimo torneo.

Se così fosse, i vecchi ferri non potevano uscire di scena in modo migliore.

Per quanto riguarda le palline, troviamo le Titleist Pro V1x accompagnate sul green dallo Scotty Cameron Newport 2 SLT T10. E intorno ai green?

Non mancano i Titleist Vokey SM5 per il 56 e per il 58 gradi così come il Titleist Vokey SM4 TVD per il 60 gradi.

Ti potrebbe piacere...

article-image
GOLF TODAY

Tutti al Chelsea Piers

In piena Manahattan, lungo l’11ma Avenue, affacciato spettacolarmente sull’Hudson, è il campo pratica più frequentato di tutti gli Stati Uniti, con 350mila presenze all’anno.

 

di Peter Finch

foto di Nathaniel Welch

 

Un violento temporale estivo si abbatte…

article-image
GOLF TODAY

L’Amen Corner si espande

L’Augusta National Golf Club si è assicurato un importante appezzamento di terreno ai confini del suo percorso. Ora sarà possibile l’espansione dell’iconica buca 13.

L’appezzamento è stato acquistato dal vicino Augusta Country Club, come spiegato…