La sacca del campione #USOpen

Gaia De Simoni by

Brooks Koepka ha conquistato ieri con un fantastico score totale di -16 il 117esimo US Open di Erin Hills.

Il suo primo Major, arrivato grazie a una settimana perfetta, scandita da quattro risultati in 67, 70, 68 e di nuovo 67, che l’hanno incoronato campione a ben quattro lunghezze dai runner up.

Complice di questo successo è sicuramente la sacca dell’americano, che racchiude in sé una storia davvero che interessante.

Koepka, da sempre accompagnato dai bastoni Titleist, decise di abbandonare la compagnia a inizio 2016 per firmare un importante accordo con Nike Golf.

Ma ecco che, dopo appena 7 mesi di contratto, Nike decise di uscire dal mercato dell’attrezzatura lasciando Koepka, e gli altri tanti giocatori sponsorizzati dalla casa americana, con un dilemma: continuare con lo swoosh o cambiare?

Fu così che il neo campione dello US Open decise di puntare su ben due prodotti: Mizuno e TaylorMade.

In sacca troviamo infatti il driver M2 di Taylor, ma anche la versione M2 del legno 3.

Per quanto riguarda Mizuno, nonostante non sia sotto contratto, Koepka gioca regolarmente i ferri JPX 900 Tours, comparsi in sacca a inizio stagione dopo mesi di prove e allenamento.

Si tratta di ferri creati apposta per lui, seguendo le sue caratteristiche fisiche e di gioco.

Di certo, questo set gli ha dato un’importante mano ad Erin Hills, ma nonostante questo sembra che non continueranno la loro permanenza in sacca.

Koepka ha infatti comunicato a Jeff Cook, PGA Tour manager di Mizuno, di volere un nuovo set di bastoni per il prossimo torneo.

Se così fosse, i vecchi ferri non potevano uscire di scena in modo migliore.

Per quanto riguarda le palline, troviamo le Titleist Pro V1x accompagnate sul green dallo Scotty Cameron Newport 2 SLT T10. E intorno ai green?

Non mancano i Titleist Vokey SM5 per il 56 e per il 58 gradi così come il Titleist Vokey SM4 TVD per il 60 gradi.

Ti potrebbe piacere...

GOLF TODAY

Golf4Autism: Lo sport che unisce

Nell’ambito del Progetto Ryder Cup 2022 la FIG promuove l’iniziativa per bambini affetti da spettro autistico sviluppata da “Golfprogram” con la collaborazione dell’Associazione di volontariato “Una breccia nel muro” e il supporto del circolo…