Indiscrezione: Tiger ed Els capitani alla Presidents Cup 2019

Gaia De Simoni by

Tiger Woods ed Ernie Els saranno ancora una volta l’uno contro l’altro nella Presidents Cup. Ma questa volta, lo faranno da capitani.

Secondo due fonti coinvolte nella competizione, Tiger ed Els avrebbero accettato la proposta di essere capitani nel 2019 a Melbourne, in Australia.

Le fonti sono rimaste però anonime visto, che la selezione non è ancora stata annunciata.

Molto probabilmente, la notizia verrà resa ufficiale nella tarda serata di oggi, quando nel pomeriggio in Florida Els e Tiger saranno presentati alla stampa prima dell’Arnold Palmer Invitational.

La rivalità tra i due futuri capitani si è sempre fatta sentire nella Presidents Cup, specialmente in quella del 2003.

In Sud Africa, Tiger e Big Easy andarono avanti al playoff fino a che l’oscurità li interruppe.

Fu così, che per la prima volta, le due squadre decisero di chiudere la competizione in parità e di condividere il trofeo.

Tiger non è nuovo a questo genere di ruoli. Nel 2016 fu assistente capitano di Davis Love III durante la Ryder Cup di Hazeltine.

Quest’anno alla Ryder di Parigi, assisterà anche Jim Furyk ma, se continuasse così, potrebbero farlo da vice capitano giocatore.

La Presidents Cup fu inaugurata per la prima volta nel 1994 e segue la stessa struttura della Ryder Cup.

Nacque per far sì che anche i giocatori non Europei e non Americani, potessero competere in un torneo a squadre.

Da allora, solo una volta la squadra Internazionale è riuscita a vincere: nel 1998 proprio a Royal Melbourne.

Tiger ha giocato otto Presidents Cup in carriera, ottenendo 24.5 punti, il secondo miglior risultato nella storia della squadra americana.

Els, è stato assistente nel 2017 di Nick Price e ha giocato anch’egli in otto edizioni.

La Presidents Cup 2019 si svolgerà dal 12 al 15 dicembre a Royal Melbourne e sarà composta da 30 match su quattro giorni.

Ti potrebbe piacere...

GOLF TODAY news

Il  “Berga” da Tour si racconta

Il 22 novembre, giorno del mio compleanno, Filippo Bergamaschi, mi ha chiamato per farmi gli auguri. 

Come regalo, mi ha concesso una breve intervista riguardo alla sua recente conquista della “carta” per l’European Tour…