Keith Pelley vola da Rory McIlroy e lo convince a stare sul Tour

Gaia De Simoni by

Lo scorso novembre Rory McIlroy aveva dato la notizia incredibile di voler dedicare la maggior parte del 2019 al PGA Tour. Il campione irlandese si era detto disposto a rinunciare alla carta dello European Tour, a causa del compatto calendario che l’avrebbe visto costretto a optare per i tornei americani piuttosto che per gli europei.

All’appuntamento finale del DP World Tour Championship a Dubai, McIlroy aveva scioccato i giornalisti affermando che avrebbe molto probabilmente rinunciato alla carta.

Una dichiarazione che ha sconvolto non solo i giornalisti e i suoi tanti tifosi ma anche i piani alti dello European Tour.

Keith Pelley, chief executive del Tour europeo, non l’avrebbe mandata giù, tendando il tutto e per tutto per convincere McIlroy a tornare sui suoi passi. Pelley, secondo il Mirror, avrebbe preso un volo charter per Belfast la scorsa settimana al fine di non perdere una delle star del suo tour.

La missione in suolo nord irlandese sembra essere andata a buon fine, visto che il Mirror ha riportato come McIlroy abbia deciso di aggiungere più eventi dello European tour alla propria agenda.

Per mantenere la carta, il professionista dovrebbe giocare quattro tornei europei, oltre ai quattro Major e ai quattro WGC.

Secondo il giornale inglese, McIlroy parteciperà al Dubai Desert Classic di gennaio così come all’Irish Open e al BMW PGA Championship.

Ti potrebbe piacere...

GOLF TODAY news

Pete Dye, l’autunno del Patriarca

L’età sta rubando la memoria al grande designer, ma sua moglie e i tanti album dei suoi progetti consentono ancora di conoscere da vicino questa icona del golf mondiale.

di Ron Whitten

«Ti prego, non dare…

GOLF TODAY news

Un giocatore da Top 100

Prendete un golfista in pensione, la sua carriera trentennale in giro per il mondo, una folle scommessa legata al golf e una moglie capace di arrivare ovunque pur di aiutarlo a vincerla.

Ne verrà fuori…

GOLF TODAY news

Da caddie a campioni

Roma, anni Venti: i ragazzi del “Quarto Miglio”, portasacca al vicino Acquasanta, giochicchiano sui prati con barattoli come buche e fazzoletti come bandiere. Un gioco di stenti, come la vita di allora.

Ma da quella…