Al torneo con zoccoli e sdraio

Avatar by

Secondo i dati del PGA Tour, la famosa buca 16 del TPC Scottsdale, in Arizona (sede del Waste Management Open), è la più rumorosa del golf.

Se un giocatore fa hole in one, come Francesco Molinari nel 2015, i 30mila tifosi assiepati sulle tribune sono autorizzzati a scatenare l’inferno.

Il primato, però, potrebbe vacillare quando il prossimo 29 novembre gli appassionati invaderanno la 16a buca del Royal Pines Resort, sede dell’Australian PGA Championship.

A circondare il green del par 3, infatti, ci sarà una fan zone da sogno, con sabbia della Gold Coast per prendere il sole e un bacino d’acqua per rinfrescarsi mentre si osservano le gesta di Marc Leishman, Andrew “Beef” Johnston (annunciati nel field) e del campione in carica Cameron Smith.

E i golfisti in gara? Di certo, non potranno accomodarsi sulla sdraio, ma anche per loro è previsto un premio.

Il primo che riuscirà a fare hole in one, riceverà un bonus di 500.000 dollari.

Golf, mare e divertimento: cosa chiedere di meglio? Solo un piccolo aiuto da madre natura, visto che l’anno scorso il torneo subì numerose interruzioni per via delle intense pioggie…

Ti potrebbe piacere...

GOLF TODAY news

King Koepka o Robo-Koepka?

Sognava il baseball, ripiegò sul golf per un incidente stradale. Domina i quattro tornei maggiori ma quasi si nasconde per il resto dell’anno. Ritratto di un campione che potrebbe traghettare il golf nel dopo-Tiger

 

“King…

GOLF TODAY news

La storia di Andrea Pavan

Andrea Pavan è nato a Roma il 27 aprile 1989. Ha iniziato a giocare all’età di sei anni sotto la spinta del papà Tiziano e della madre Barbara, ed è cresciuto golfisticamente al GC…