BMW Golf Cup International
GC Marco Simone 11 maggio
BMW Roma

Redazione On Line by

Sabato 11 maggio al Marco Simone Golf & Country Club si è svolta la tanto attesa tappa del circuito BMW Golf Cup International. Una giornata all’insegna dello sport ma non solo.

La concessionaria BMW Roma, organizzatrice della tappa, ha infatti dato la possibilità di provare su strada anche diverse vetture della gamma: BMW i3; BMW i8; BMW 530; Serie 2 Phev; Serie 7 Phev.

Oltre al torneo di golf, sono state organizzate alcune attività collaterali per i clienti BMW che non giocano a golf: sessioni di joga, golf clinic per cominciare ad approcciare questo sport, attività di animazione dedicate ai bambini, ecc.

La formula di gara invece è rimasta invariata anche per quest’anno: gara su 18 buche Stableford per 3 categorie limitate (1° categoria maschile hcp. fino 12, 2° categoria maschile hcp. 13 – 36 e categoria unica femminile). Ad aggiudicarsi la Finale Nazionale durante questa tappa sono stati: Vincenzo Cannavale con 40 punti (1° Netto 1° Categoria maschile hcp. fino a 12), Fabio Innamorati con 38 punti (1° netto 2° categoria maschile hcp 13 – 36) e Ermelinda Avverato con 41 punti (1° netto categoria unica femminile) che aveva già vinto nell’edizione 2017. Da menzionare il 1° lordo maschile assegnato a Giuliano Pozzilli con 32 punti che in quanto Under 35 accederà alla classifica NEW Generation Award che premia il miglior lordo under 35 per categoria e garantisce a primo in classifica l’accesso alla Finale Nazionale. Il 1° lordo femminile è stato invece assegnato a Gabrielle Deleuze con 23 punti. Non assegnato l’Hole-in-one, che quest’anno è sponsorizzato da LG SIGNATURE e vede come premio molto ambito un “LG OLED TV”. Il Nearest to the Pin sponsorizzato dall’ormai storico partner Berlucchi è stato assegnato a Salvatore Samà con 230 cm.

Alla buvette di metà percorso i golfisti hanno trovato tante attenzioni offerte dai partner del circuito: smart food in monodose offerto da Semplicemente Frutta, i biscotti di Monviso1936, l’acqua Galvanina e immancabili le banane fonte di potassio. Ma anche l’hospitality di fine gara ha riservato tante soprese: dal prosciutto Crudo Gran Milano tagliato al coltello di Rovagnati alle bruschette di Monviso1936 al Berlucchi ’61 per un brindisi finale.

Presso l’hospitality inoltre i partecipanti hanno potuto scegliere il copri driver in pelle realizzato artigianalmente dalla Valigeria Grignola che sarà regalato a chi accede alla Finale Nazionale. Accanto all’Hospitality BMW, lo sponsor Enel X ha realizzato uno spazio per l’esposizione di due prodotti di ricarica per veicoli elettrici: JuicePole, la soluzione di ricarica all’aperto da posizionare in ambito cittadino nei punti strategici per la mobilità, o nei parcheggi aziendali e la JuiceBox Commercial dedicata invece alle aziende che optano per la mobilità elettrica.

La fine del torneo non ha segnato la fine di questa bellissima giornata: dopo le premiazioni che si sono svolte alla presenza di Lavinia Biagiotti Cigna, Ivan Marin – General Manager del Marco Simone e Gianluca Durante – Direttore generale BMW Roma, la serata è continuata ancora a lungo con un ricco buffet e dj set.

Interviste ai tre finalisti

Vincenzo Cannavale

(1° Categoria maschile hcp. 0-12 - 1° Netto)

D: Dove vive?

R: A Roma

D: Qual è la sua professione al di fuori del green?

R: Pensionato, quando lavoravo ero nella sanità militare, facevo il farmacista e sono andato in pensione una volta raggiunto il grado di generale

D: Quando ha iniziato a giocare a Golf?

R: 8 anni fa

D: E’ la sua prima partecipazione al BMW Golf Cup International?

R: Si, l’anno scorso non ero presente ma quest’anno non sono voluto mancare

D: Una parola o un aggettivo per descrivere BMW Golf Cup International?

R: Una giornata fantastica, un gioco bellissimo e sono contento di aver visto anche le vostre macchine in campo

D: Il suo sogno segreto di golfista?

R: Scendere ancora un pò di handicap ma non troppo…

D: Qual è il golf club nel mondo dove più amerebbe giocare?

R: A St Andrews

D: Mi dica qualcosa che rende “green” la sua vita…

R: Faccio la raccolta differenziata da tanti anni e vorrei quanto prima comprare una vettura elettrica.

Fabio Innamorati

(2° Categoria maschile hcp. 13-36 - 1° Netto)

Ermelinda Avverato

(Categoria unica femminile - 1° Netto)

D: Dove vive?

R: A Bologna anche se sono fiorentina purosangue

D: Qual è la sua professione al di fuori del green?

R: Mi occupo di moda maschile e lavoro da 33 anni in un’azienda di moda

D: Una parola o un aggettivo per descrivere BMW Golf Cup International?

R: Molto bello anche se la categoria unica femminile mi ha messo molta tensione e molto stress

D: E’ la sua prima partecipazione al BMW Golf Cup International?

R: No, ma sfortunatamente non ho mai vinto. Questa e la prima volta!

D: Qualcosa che lei ha imparato, o esercitato, sul green che le è stata utile nella sua quotidianità?

R: La concentrazione e non dare mai niente per scontato

D: Qual è il campo dal golf nel mondo dove le piacerebbe giocare?

R: Mi piacerebbe tornare alle Bahamas, in una piccola isola c’è una concentrazione di campi da golf incredibile…

D: Mi dica qualcosa che rende “green” la sua vita…

R: La pratica del golf mi sensibilizza sempre al rispetto dell’ambiente.

Ti potrebbe piacere...