Career Grand Slam, un’impresa esclusiva

Redazione On Line by

La lista è ristretta, e veramente esclusiva. I nomi: Tiger Woods, Jack Nicklaus, Gary Player, Ben Hogan, Gene Sarazen. Praticamente il Gotha della storia del golf mondiale. Sono, questi cinque fuoriclasse, gli unici ad aver ottenuto il cosiddetto “Career Grand Slam”, cioè ad aver vinto almeno una volta (ma spesso assai più) tutti e quattro i Major nel corso della loro carriera. Con Tiger che, fra il 2000 e il 2001, vinse in sequenza US Open, Open Championship, PGA Championship e poi il Masters della stagione successiva.

Adesso sarà Rory McIlroy a tentare l’impresa, partendo da una serie di dati tutti estremamente favorevoli: la vittoria in rimonta al “The Players” (in pratica, il quinto Major) ha suggellato una serie di cinque piazzamenti nei top 6 nel 2019. In più, Rory non è mai sceso oltre il decimo posto nelle ultime cinque partecipazioni al Masters.

Dunque la storia bussa alla porta di casa sua. E magari sarà proprio per questo che il campione nord irlandese ha deciso di dedicare questa sua settimana di pausa prima di tornare in campo il 27 per il WGC Match play in Texas alla ristrutturazione della sua abitazione che, non essendo esattamente un monolocale, richiede un certo impegno. Rory ha fissato per questi giorni una serie di appuntamenti con l’interior design incaricato dei lavori. L’assegno di 2.200.000 dollari intascato a Sawgrass dovrebbe bastare a coprire le spese. Poi, continuando a giocare così, qualche altro spicciolo probabilmente arriverà. E magari ci scapperà anche la cucina nuova.

Ti potrebbe piacere...