Alle Canarie la stagione non finisce mai

Redazione On Line by

Di Laura Piras

Isola incantevole, la più grande delle sette che compongono l’Arcipelago delle Canarie, Tenerife è diventata famosa come l’“Isola dell’eterna primavera”, grazie a un clima straordinariamente mite tutto l’anno, con temperature che in inverno si aggirano intorno ai 22 gradi.

Ottimamente collegata all’Italia con i voli sia di linea che charter, l’isola dispone di due aeroporti internazionali e di un porto storico, quello di Santa Cruz, la capitale: da qui partivano le navi che solcavano l’Atlantico.

Vocata principalmente al turismo, Tenerife è anche la più urbanizzata e cosmopolita delle Canarie.

Isola sicura, offre tranquillità e un’ottima organizzazione turistica.

Gli alberghi sono eccellenti e le attività culturali sono numerose, così come lo sono le possibilità e iniziative di divertimento e svago.

Vi stupirà la lista dei musei e degli insediamenti a carattere storico, scientifico e naturalistico, così come vi stupirà quella dei locali e dei negozi.

Anche dal punto di vista naturalistico ha tanto da dire: è un gioiello di origine vulcanica, con vulcani ancora attivi, tra cui il più alto è il “Pico del Teide” che, con i suoi 3.718 metri, è il terzo vulcano più alto al mondo.

L’ascensione alla cima offre un’esperienza ricca di contrasti indimenticabili.

Per chi sia interessato alla natura c’è anche tanto di più: ben 43 aree protette occupano quasi la metà del territorio e rappresentano un terzo delle aree protette presenti nelle isole Canarie.

Da segnalare in particolare il Parco Naturale del Teide, iscritto dall’UNESCO nell’elenco del Patrimonio Mondiale.

Qui vi sorprenderà la Valle di Ucanca, immensa pianura dominata dal silenzio, dove i colori della lava acquistano tutte le tonalità immaginabili.

Chi invece durante la vacanza vuole rilassarsi e praticare un po’ di sport, trova a Tenerife tutte le risposte che cerca. Il golf, in primis; il nostro sport ha conquistato già da lungo tempo la bella isola che oggi ospita nove percorsi: Buenavista Golf, Golf Rosaleda, Real Club de Golf de Tenerife, Golf del Sur, Amarilla Golf, Golf Las Americas, Golf Los Palos, Golf Costa Adeje e Abama Golf.

Molti si affacciano sul mare offrendo scenari mozzafiato tanto sull’Oceano quanto sull’interno.

Belli tutti e tutti molto curati e con tracciati entusiasmanti. Dopo fairway e par, spazio anche a ogni altra attività sportiva, per una vacanza a tutto divertimento.

Tenerife è disseminata di centri per equitazione, diving, surf, trekking, windsurf, parapendio, ciclismo e mountain bike, yacht chartering, vela, pesca d’altura, free climbing, karting, parapendio e molto altro.

Se tante sono le possibilità di sport e molti i percorsi di golf, ancor di più sono gli alberghi.

Acentro ha selezionato con precisi criteri le strutture ideali per soddisfare ogni esigenza della propria clientela: nel lusso propone Las Madrigueras, sul campo da golf e con standard di altissimo livello; il Gran Hotel Bahia del Duque, a bordo mare e con thalasso terapia; il Ritz Carlton Abama, elegantissimo resort con un suo campo da golf e uno scenario mozzafiato; o lo Sheraton La Caleta.

Ma anche il Sandos San Blas, albergo particolare che si differenzia dagli altri perché improntato alla filosofia del turismo sostenibile. Il Meliá Hacienda del Conde Golf & Spa Resort è, invece, uno spettacolare resort solo per adulti in un’area insignita della categoria di “Parco rurale protetto” a nord est di Tenerife e impreziosito da splendide vedute sull’oceano Atlantico.

Spicca per il suo essere perfettamente integrato nell’ambiente naturale che lo circonda e vanta magnifici arredamenti in stile coloniale.

Di proprietà il Buenavista Golf, capolavoro di 18 buche disegnato da Severiano Ballesteros.

E, infine, l’Hotel Jardin Tecina, sull’isola della Gomera a soli 40 minuti di traghetto da Tenerife, in una baia con posizione ineguagliabile, immerso nel verde di bellissimi giardini e con uno splendido 18 buche.

Ti potrebbe piacere...

GOLF TODAY

Sprint di fine stagione – Recording Area

Cari amici, questa fase conclusiva

della mia stagione, che è cominciata con Wentworth e fa tappa naturalmente a Roma per l’Open d’Italia, sarà per me particolarmente intensa.

Sarò in campo sei settimane su dieci. Non essendomi…