Presentato il Festival Printemps des Arts 2018

Redazione On Line by

È stato presentato nei giorni scorsi, al Grimaldi Forum di Monaco, il festival Printemps des Arts 2018 di Monte-Carlo con un video di raccolta dei principali appuntamenti della prossima stagione e con le sonorità di Berio affidate al clarinetto di Chiaki Tsunaba in apertura e al sassofono Carmen Lefrançois in chiusura.

La rassegna, diretta da Marc Monnet, si terrà dal 16 marzo al 29 aprile 2018 e vedrà il contributo di giovani talenti e solisti promettenti nonchè di numerosi artisti e formazioni internazionali come l’Orchestre national de France, l’Orchestre philharmonie de Monte-Carlo, l’Orchestra of the Age of Enlightenment, il Quartetto Zemlinsky, le voci del Coro della Radio lettone, il direttore d’orchestra Christian Arming, il mezzosoprano Isabelle Druet, l’italiana Alda Caiello e il pianista Bertrand Chamayou

Il programma ruoterà attorno ad alcuni punti fondamentali: Mozart in una veste poco conosciuta; la musica americana di Charles Ives e di Morton Feldman; Monaco Music Forum che fonde la musica con strumenti rari a giocolieri e fanfare; le chanson dei trovieri, straordinari poeti e musicisti contesi da tutte le corti del XIII secolo; il clarinetto in tutte le sue declinazioni; l’opera con una finestra sul surrealismo russo, “Quatre jeunes filles” di Edison Denisov, in versione da concerto, una prima monegasca e francese, e infine la danza con i Balletti di Monte-Carlo e una nuova coreografia di Jean-Christophe Maillot, sull’opera Abstract pour violoncelle et orchestre di Bruno Mantovani.

Accanto alle tematiche principali sarà possibile apprezzare le “Sequenze” di Luciano Berio e ancora il ruolo centrale riservato alla contemporaneità con “Éclair physionomique”, opera commissionata dal Printemps des Arts al compositore francese Éric Montalbetti, che verrà eseguita in prima assoluta e che scandirà il programma accanto a più noti autori contemporanei Morton Feldman, Leonard Bernstein, Olivier Messiaen e Yan Maresz. Non mancheranno però Brahms e Debussy per rimanere coerenti alla vocazione del festival che vuole far convivere modernità e tradizione spaziando tra differenti musiche, stili, epoche, e diversi tipi di pubblico.

Importantissima l’attività della webradio della rassegna che trasmette concerti e interviste in programma, spettacoli decentrati in Costa Azzurra, concerti in appartamento a preludio del festival, tavole rotonde e convegni per accompagnare il pubblico attraverso una corretta fruizione degli spettacoli.

Immagine di copertina: Balletti di Monte-Carlo © A. Blangero

Ti potrebbe piacere...

article-image
AMADEUS

La finanza diventa etica: Fabio Bonizzoni

Abbiamo incontrato il direttore artistico del Festival Note Etiche, Fabio Bonizzoni, uno dei principali clavicembalisti e organisti della sua generazione, direttore d’orchestra e con una discografia pluripremiata all’attivo.

La rassegna, nata a Milano nel 2014…

article-image
AMADEUS

Concorso internazionale “Roberta Gallinari”

L’Associazione Alessio, nata per volontà dall’artista Roberta Gallinari in memoria del figlio, ha voluto rendere omaggio e consolidare il ricordo di Roberta attraverso un grande evento basato sulla sua figura. Roberta è stata una talentuosa pianista.

Una malattia invalidante ha…

article-image
AMADEUS

In The Pines: un evergreen intramontabile

Esistono brani musicali in grado di resistere inossidabili allo scorrere del tempo, proprio come “In The Pines”: una canzone nata alle pendici degli Appalachi e che, per intere generazioni, è risuonata da una parte…