Il Premio Dragoni 2017 va al sedicenne Riccardo Zangirolami

by

Si è conclusa, con l’ultimo appuntamento del 23 novembre, la rassegna di concerti che ha visto suonare, a Casa Verdi, i ventisei vincitori del Premio del Conservatorio di Musica “G. Verdi” di Milano. Le esibizioni costituivano la prova per aggiudicarsi il Premio Dragoni 2017, concorso abbinato al ciclo di concerti.

A vincerlo è stato il sedicenne Riccardo Zangirolami, premiato da una giuria di musicisti ospiti di Casa Verdi (tre cantanti d’opera, due pianisti, due violinisti, un’arpista) per l’esecuzione di Rachmaninov, Preludio in si bemolle maggiore op. 23 n. 2; Preludio in re maggiore op. 23 n. 4; Preludio in sol minore op. 23 n. 5; Preludio in si minore op. 32 n. 10 e di Brahms, Variazioni su un tema di Paganini op. 35, vol. II.

Il giovanissimo pianista, figlio di produttori e musicisti funk, rock e pop, ha già vinto numerosi concorsi nazionali e internazionali per pianoforte, tra cui il Concorso Pianistico Carlo Vidusso, il “Piano Talents with orchestra”, il Concorso Civica Scuola di Musica di Milano, e il Concorso Internazionale Tadini di Lovere. Si è anche aggiudicato il terzo posto al concorso pianistico “Steinway per giovani talenti” e al Premio del Conservatorio di Milano, oltre ad aver partecipato, di recente, al “Pianotalents International Piano Competition” e aver vinto il “New York Piano Festival and Competition” con il premio speciale “Virtuoso Performance” che l’ha portato a esibirsi nella prestigiosa Carnegie Hall.

La rassegna, con concorso abbinato, è organizzata dalla Società del Quartetto di Milano insieme al Conservatorio G. Verdi, Casa Verdi e Fondazione Dragoni, dedicata appunto a Sergio Dragoni, Presidente del Conservatorio negli anni ’60 e ’70 e alto esponente del Quartetto, oltre che benefattore di Casa Verdi, dove il 4 febbraio 2018 si terranno anche il concerto e la premiazione di Zangirolami.

In attesa di quella data, giovedì 11 gennaio riprenderà la rassegna di concerti dei giovani musicisti che hanno vinto il Premio del Conservatorio 2017 alla quale si aggiungerà un ciclo di concerti domenicali che saranno inaugurati proprio il 4 febbraio prossimo.

Ti potrebbe piacere...

AMADEUS

L’Ensemble Sinestesia GMI al Planetario di Milano

Due nuovi concerti attendono l’Ensemble Sinestesia GMI al Planetario di Milano, due momenti per il pubblico per vivere l’esperienza della grande musica immersi nel buio cosmico del Planetario.

Avviato da Gioventù Musicale d’Italia nel 2012,…

AMADEUS

Tous les matins du monde: Jordi Savall a Milano

«Tutte le mattine del mondo sono senza ritorno»: è questa la conclusione a cui giunge l’ormai maturo, potente e disilluso Marin Marais, compositore e violista del re di Francia, ricordando l’incontro con il suo…

AMADEUS

Viaggio nella canzone d’autore: Rino Gaetano

Fino a questo momento, pur nell’unicità che ciascun Cantautore rappresenta, abbiamo parlato di “scuole” legate ad alcune particolari città o aree, Genova, Milano, Bologna: Rino Gaetano è il primo cantautore del Sud che incontriamo…