Kastav: a gennaio il suono delle campane riempie i villaggi

Samantha Colombo by

Nel mese di gennaio, c’è un suono che fa eco per le strade dei villaggi di Kastav, nella Croazia nord-occidentale: decine di campanari camminano infatti per queste strade, con campane legate intorno alla vita e indossando costumi che non li fanno certo passare inosservati. I suonatori sono vestiti di pelli di pecora e sfoggiano enormi cappelli rivestiti da rami di sempreverdi.

Da un villaggio all’altro, saltellano e si dimenano facendo risuonare le campane e avanzando in gruppi molto numerosi, nei quali spesso è presente anche un personaggio farsesco, come un uomo travestito da orso. Una volta raggiunta la piazza di uno dei paesi, iniziano danze frenetiche, che non smettono fino a che gli abitanti non offrono del cibo.

Sono diverse le teorie legate alle origini di questa tradizione: si dice sia nata per difendere i piccoli villaggi dai nemici, nel corso degli attacchi dei tartari prima e dei turchi poi; secondo un’altra teoria, la pratica è legata a un’usanza pre-cristiana, che vede nell’uso delle campane un ottimo antidoto contro gli spiriti maligni della stagione fredda.

Il dato certo è che, in questo modo, si rinnovano conoscenze e amicizie tra i diversi villaggi, rafforzando sia i legami extra-famigliari sia l’amore e la dedizione per il proprio territorio.

Guarda il video

Ti potrebbe piacere...

AMADEUS

Il “mio” Belcore: Special Guest Paolo Bordogna

Il baritono Paolo Bordogna, in questi giorni protagonista nell’Elisir d’amore in scena al Liceu di Barcellona, ci racconta la sua esperienza legata al ruolo di Belcore.

Il “mio” Belcore è nato 21 anni fa all’Accademia…