Amadeus Factory: il vincitore è Lorenzo Albanese

Redazione On Line by

Si è chiusa ieri, con la vittoria del fisarmonicista Lorenzo Albanese, la prima edizione di Amadeus Factory: nell’Auditorium di Largo Mahler, durante la serata condotta da Guido Barbieri e sponsorizzata da Yamaha (Main Partner), si sono contesi il primo premio 4 giovani artisti di indiscutibile bravura. Special Guest dell’evento la Verdi Jazz Orchestra del Conservatorio di Milano, diretta da Pino Jodice.

La Giuria artistica ha deciso di premiare con il primo posto Lorenzo Albanese, fisarmonicista di 20 anni del Conservatorio “Torrefranca” di Vibo Valentia, che ha iniziato a studiare musica a circa 11 da autodidatta. Giovane, tenace e volenteroso, già vincitore di vari concorsi nazionali e internazionali, è oggi uno dei fiori all’occhiello del Conservatorio che lo ha selezionato per esibirsi alla Royal Academy of Music di Londra.

I quattro talenti, ricordiamo, sono stati giudicati da giovani artisti di rango internazionale: la pianista Beatrice Rana, che ha assunto la carica di Presidente di Giuria a causa di una improvvisa indisposizione di Daniele Rustioni (precedentemente annunciato); accanto a lei il pianista e compositore Orazio Sciortino e tre rappresentanti da eccellenti realtà musicali italiane: Laura Marzadori per l’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, Matteo Magli per l’Orchestra Sinfonica della RAI di Torino e Andrea Zucco per  l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma. A chiudere la rosa dei giurati il violoncellista Giovanni Gnocchi, artista designato dalla Gioventù Musicale D’Italia.

Tra il pubblico personalità di rilievo appartenenti alle istituzioni politiche e culturali della città: l’Assessore alla Cultura del Comune di Milano Filippo Del Corno, Mimma Guastoni (Vice Presidente di Milano Musica), Francesca Moncada di Paternò (Vice Presidente della Società del Quartetto di Milano), Alberto Del Biondi (Designer), Cesare Picco (Pianista), Alessio Pizzech (Regista), Angelo Foletto (Presidente dell’Associazione Nazionale dei Critici Musicali), Renato Meucci (Direttore del Conservatorio di Aosta), Cristina Frosini (Direttore del Conservatorio di Milano).

Lorenzo Albanese ha dunque vinto una tournée di concerti in Italia, oltre alla possibilità di incidere il cd di copertina per uno dei numeri di Amadeus dell’anno 2018. Gli altri tre artisti avranno invece  la possibilità di registrare un album download.

Durante la serata è stata inoltre consegnata la borsa di studio ad Anjala Testacuzzi, studentessa di 26 anni iscritta al II anno del Corso biennale di Didattica Multimediale dell’Accademia di Belle Arti di Brera, vincitrice del concorso per l’ideazione del logo Amadeus Factory.

  • Josef Mossali

  • Lorenzo Albanese

  • Sara Celardo

  • Sara Celardo

  • Lorenzo Albanese

  • Alberto Vernarelli

  • Lorenzo Albanese

  • Mimma Guastoni e l'Assessore Filippo Del Corno

  • La giuria

  • Beatrice Rana e Laura Marzadori

  • La giuria

  • Guido Barbieri, Beatrice Rana e Biagio Scuderi

  • Lorenzo Albanese

  • Lorenzo Albanese

  • Lorenzo Albanese

  • Lorenzo Albanese

  • Sara Celardo

  • Alberto Vernarelli

  • Josef Mossali

  • Josef Mossali

  • Cesare Picco

  • Verdi Jazz Orchestra

  • Verdi Jazz Orchestra

  • I 4 finalisti

  • Lorenzo Albanese

  • Lorenzo Albanese

  • Lorenzo Albanese

  • Riccardo Segre e Anjala Testacuzzi

Ti potrebbe piacere...

AMADEUS news , AMADEUS

Fondazione Francesca Rava: “Dentro la sera” con Pietro Galizzi

Domenica 25 marzo, alle ore 18,00, la Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus organizza presso CityZEN a Milano un evento speciale: “Dentro la sera”, con Pietro Galizzi, compositore e pianista, a favore della Casa N.P.H. a Kenskoff in Haiti. 

Nel corso del concerto Galizzi presenterà il suo album di brani inediti per pianoforte “Dentro…