EDIZIONI DIGITALI

Edicola digitale di Bel Vivere. Le riviste che puoi trovare sono Amadeus, Il Mondo del Golf Today, Rivista Sci e Watch Digest.

Visualizza carrello “Watch DigestDicembre 2018edizione digitale” è stato aggiunto al tuo carrello.
Filter

Showing 1–12 of 115 results

  • product-imageproduct-image

    Golf Today
    novembre 2019
    edizione digitale

    3,00
    3,00

    Il finale di stagione del golf italiano transita dalla Puglia. Da lì arriva infatti Francesco Laporta, partito da Castellana Grotte, in provincia di Bari, e arrivato alla corte dei grandi, sull’European Tour 2020, con una Top Ten all’Open d’Italia, due vittorie sul Challenge e la conquista dell’Ordine di Merito.

    Risultati che suggellano una storia sconosciuta e avvincente, come si può leggere sull’ultimo numero de Il Mondo del Golf Today, rivista edita da Bel Vivere, a Company of Cose Belle d’Italia, e diretta da Massimo De Luca. Una storia di determinazione e di volontà, che ha portato “Lapo” a raccogliere finalmente i primi frutti di anni di speranze e di sacrifici. Altrettanto suggestiva (ma molto meno vincente) è la storia di Vincent Kabaso, il primo pro dello Zambia che è approdato sul PGA Tour. Un circuito su cui – oltre alle innumerevoli (ma sempre utili) statistiche su ogni aspetto del gioco – guardano molto anche “alla forma”, al punto di redigere perfino una classifica del fair play.

    Sul lato del gioco amatoriale, le varie associazioni consegnano, ciascuna con propri eventi e finali varie, un’altra stagione agli annali, rinnovando l’appuntamento sul tee al prossimo anno.

    In coda, la consueta vetrina dedicata al “saper vivere” con eleganza ed equilibrio, con pagine dedicate alla moda e accessori, motori, benessere, cultura ed enologia.

  • product-image

    Riders 125 Edizione digitale

    2,50
    2,50

    In questo numero:

    In Prima

    Oscurati dal Sole
    Ali spezzate

    In seconda

    V6: Laverda’s dream
    Il mito dei miti
    La Pakelo is back
    Ridiculous!
    Icona: Yamaha Ténéré

    In terza

    Il più grande? Non è Hamilton
    Il quasi re
    Para Riders
    Racing: Tatsuki Suzuki
    Racing: Lando Norris

    In quarta

    Moda
    Still Life
    Design: Barracuda

    In quinta

    Smart road e guida autonoma

    In sesta

    Francesco Montanari
    Giada Beccari
    Filippo La Mantia
    Alberto Cecotti

    La folle

    Where bikes and culture meet

  • product-imageproduct-image

    Golf Today
    ottobre 2019
    edizione digitale

    3,00
    3,00

    Ottobre è il mese dell’Open d’Italia ed è normale che questo evento catalizzi l’attenzione di ogni appassionato. Ma le storie attinenti al torneo vanno oltre alla mera cronaca sportiva che, per necessità di cose, si conclude al termine del quarto giro.

    Così il nuovo numero de Il Mondo del Golf Today, rivista edita da Bel Vivere, a Company of Cose Belle d’Italia, e diretta da Massimo De Luca, racconta alcuni protagonisti della gara di Roma non tanto attraverso le loro imprese, bensì mediante la loro vita quotidiana (che poi, in fin dei conti, è un’impresa anche più grande), fatta di impegno, costanza, training, programmi, sogni e ambizioni.

    Ecco allora che, in occasione dell’Open, Denis Pugh ci svela il lavoro che attua, giorno per giorno, lontano dai riflettori, con Francesco Molinari; ma racconta anche del suo approccio all’insegnamento (iniziato un po’ per caso) o della sua “dipendenza” da Twitter, usato con finalità decisamente alternative.

    Shane Lowry, che con la vittoria all’Open Championship si è già giustificato la stagione (e, forse, la carriera), arriva a Roma con un obiettivo preciso: proseguire la sua marcia verso la convocazione per la Ryder 2020. Un traguardo ambizioso iniziato – spiega il giocatore – dalle garette di pitch & putt.

    Edoardo Molinari, invece, riparte dalla vittoria all’Olgiata (nel 2009, sul Challange Tour) per ripercorrere una carriera comunque grande, tra successi e difficoltà.

    L’Olgiata che ospita il torneo, infine, ha una storia tutta da scoprire, inizata quasi sessant’anni fa sui terreni dove pascolavano anche Nearco (14 vittorie su 14 gare) e Ribot (16 su 16).

    In coda, la consueta vetrina dedicata al “saper vivere” con eleganza ed equilibrio, con pagine dedicate alla moda e accessori, motori, nautica, benessere, cultura ed enogastronomia.

  • product-imageproduct-image

    Amadeus
    Settembre 2019
    edizione digitale

    7,00
    7,00

    Nella duplice veste di solista e direttore, è Orazio Sciortino a guadagnarsi la copertina del nuovo numero di Amadeus in edicola. Seduto al pianoforte, l’artista siciliano guida l’Orchestra di Padova e del Veneto in un interessante e affascinante programma interamente dedicato alle musiche per tastiera di Carl Philipp Emanuel Bach, figlio secondogenito dell’illustre Johann Sebastian. Al fianco dei Concerti in mi maggiore Wq. 14 e in re maggiore Wq. 43/2 troviamo la Sonatina in re maggiore Wq. 96; pagine che rappresentano splendidi esempi dello stile personale e innovativo con cui CPE Bach si è imposto sulla ribalta della musica settecentesca, in quel momento di grande fervore artistico e culturale che ha segnato il passaggio dal Barocco al Classicismo.

    Grande musica anche nell’album in download, in cui Luca Oberti dirige il contralto Alessandra Visentin e l’ensemble strumentale Pietro Antonio Locatelli in alcune splendide musiche sacre di Antonio Vivaldi: lo Stabat Mater RV 621, il virtuosistico mottetto Clarae stellae, scintillate RV 625, le Introduzioni al Miserere RV 638 e RV 641, insieme con la Sonata e la Sinfonia al Santo Sepolcro RV 130 e RV 169.

    Oltre alle consuete rubriche e ai tanti approfondimenti, da non perdere nelle pagine del numero di settembre di Amadeus, l’incontro con il pianista Igor Levit, interprete audace, estroso, rigoroso stella “umana”della tastiera, l’intervista al compositore Leone d’Argento di Biennale Musica Matteo Franceschini, un ritratto del regista Michael Haneke tra cinema e musica, e una guida per giovani musicisti e per tutti alle Nozze di Figaro firmata Riccardo Muti alla sua Italian Opera Academy, i 40 anni di Les Arts Florissants raccontati dal fondatore William Christie e le “note di stile” Maria Callas, omaggio a un’artista-icona tra costume e moda.

  • product-imageproduct-image

    Golf Today
    agosto-settembre 2019
    edizione digitale

    3,00
    3,00

    Come, già finito? La sensazione, non dichiarata ma palpabile, che si respira a metà della prima stagione con il nuovo calendario è quella di un sogno che si è interrotto sul più bello. Concentrare entro metà luglio tutti e quattro i Major ha sollevato parecchi malumori e non piace. Per lo meno, adesso. Forse con il tempo le cose cambieranno, ma al momento i dubbi e le voci di dissenso sono parecchie, a partire – come riporta il nuovo numero de Il Mondo del Golf Today, rivista edita da Bel Vivere, a Company of Cose Belle d’Italia, e diretta da Massimo De Luca – da quella autorevolissima di Jack Nicklaus. Insomma, a metà dell’anno e con ancora diversi eventi di cartello in calendario, è comunque già tempo di bilanci.

    Come quello che sta facendo Tiger Woods, parcheggiato in bilico tra un passato grandissimo e un futuro incerto che non permette di capire se il recente trionfo di Augusta sia un’effettiva risurrezione o un definitivo canto del cigno.

    Anche il suo alter ego, l’inossidabile Phil Mickelson, molto meno mediatico ma altrettanto amato dai tifosi, traccia un bilancio di una carriera lunghissima e così costante nei risultati da essere sia un esempio sia un oggetto di studio.

    Spazio anche al golf amatoriale che, prima della pausa estiva, ha vissuto la parte più calda (e non solo dal punto di vista agonistico) della propria stagione. In coda, la consueta vetrina dedicata al “saper vivere” con eleganza ed equilibrio, con pagine dedicate alla moda e accessori, benessere, cultura e cooking stellato.

  • product-image

    Riders 124 Edizione digitale

    2,50
    2,50

    In questo numero:

    In Prima

    Riders Night in Florence
    Sei anni di Wheels and Waves
    Sulla giusta strada
    Il papà di tutti i van
    Dagli hippies a tutte le famiglie
    Il futuro è adesso

    In seconda

    Una vita di quelle che non dormi mai
    Le cose che non dissero
    Siamo solo noi

    In terza

    Smoking queen
    Una spina nel fianco
    Racing Alex Marquez
    Non è uno sport per uomini
    La voce del Kondor

    In quarta

    Moda
    Still Life
    Market
    Canzoni e motori

    In quinta

    Dall’energia elettrica alla guida autonoma

    In sesta

    Francesco Montanari
    Giada Beccari
    Filippo La Mantia
    Alberto Ceccotti
    Francesco Veneziani

    La folle

    Where bikes and culture meet

  • product-imageproduct-image

    Golf Today
    Luglio 2019
    edizione digitale

    3,00
    3,00

    Copertina e occhi puntati su Francesco Molinari, chiamato a difendere il titolo nel The Open Championship, il quarto Major di stagione che torna, dopo 68 anni, in Irlanda del Nord. Una sede per nulla scontata; anzi, fino a qualche anno fa non era nemmeno presa in considerazione nella rotazione dei campi. Ma le cose cambiano; o, meglio, le si può far cambiare, come racconta il nuovo numero de Il Mondo del Golf Today – rivista edita da Bel Vivere Media, a Company of Cose Belle d’Italia, e diretta da Massimo De Luca – che svela la “trasformazione” del prestigioso campo di Portrush.

    In occasione dell’Open, chi abbia nel materasso 80mila euro – centesimo più, centesimo meno – da buttar via potrebbe (tentare di) emulare James P. Adducci, un Signor Nessuno americano con la passione (o il vizio) delle scommesse, che ad aprile puntò 85mila dollari su Tiger Woods vincitore del Masters. Tutti ormai sappiamo, con invidia, che questa volta gli è andata bene (si è messo in tasca un milione e 200.000 dollari); ma nessuno conosce quanto riporta in giornale, e cioè i retroscena di questa scommessa folle (rifiutata, tra l’altro, da due bookmaker) e chi sia questo signore dell’America profonda, continuamente in bilico tra legalità e microdelinquenza.

    Decisamente più serio è l’inossidabile Bernard Langer, che tra aneddoti e consigli ripercorre una grandissima carriera: dai primi tempi difficili quando dormiva in macchina, ai giorni d’oggi in cui rappresenta la miglior testimonianza di come lavoro e sacrificio paghino sempre.

    In coda, la consueta vetrina dedicata al “saper vivere” con eleganza ed equilibrio, con pagine dedicate agli accessori, motori, cultura ed enogastronomia.

  • product-imageproduct-image

    Amadeus
    Agosto 2019
    edizione digitale

    7,00
    7,00

    Giovane e brillante virtuosa dell’archetto, Maristella Patuzzi è la protagonista della copertina del nuovo numero di Amadeus (in edicola dal 9 agosto).

    Nel CD inedito allegato al “mensile della grande musica”, la violinista svizzera si cimenta in un programma di grande fascino e alto funambolismo, con un partner d’eccezione; il padre Mario, pianista di lunga esperienza. Un duo in grado di superare le differenze generazionali e trovare un’intesa profonda e inevitabilmente speciale di fronte a una selezione di splendide pagine per violino e pianoforte di Pablo de Sarasate: dalle Danze spagnole op. 21, 22 e 23, passando per il Capriccio basco op. 24 per arrivare all’appassionante Fantasia sulla Carmen di Bizet op. 25.

    Nell’album in download il Vansìsiem Lied Duo – formato dal soprano Paola Camponovo e dal pianista Alfredo Blessano – ha impaginato un programma di gran fascino intitolato Italiani a Parigi – Parigini in Italia e dedicato all’arte musicale intimista per voce a pianoforte di autori come Rossini, Casella, Debussy e Lili Boulanger.

    Oltre alle consuete rubriche e ai tanti approfondimenti, da non perdere nelle pagine del numero di agosto di Amadeus, l’incontro con Ernesto Palacio, sovrintendente del Rossini Opera Festival, alla vigilia dell’edizione n.40 dell’irrinunciabile rassegna pesarese, la storia e fortuna di un’opera celebre Pagliacci a 100 anni dalla morte di Ruggero Leoncavallo, “Zeffirelli Memories”, inedito e prezioso ritratto grande regista visto da (molto) vicino, le interviste al basso-baritono Alex Esposito, voce italiana in continua ascesa e alla violinista coreana Bomsori Kim. E inoltre il faccia a faccia esclusivo con Sergei Polunin, ballerino di culto, in arrivo in Italia con il “suo” Romeo e Giulietta in prima assoluta.

  • product-imageproduct-image

    Amadeus
    Luglio 2019
    edizione digitale

    7,00
    7,00

    Ancora un giovane pianista di grande talento protagonista della copertina del nuovo numero di Amadeus (in edicola dall’8 luglio): nato negli Usa da genitori cinesi e già medaglia d’argento al Concorso Čajkovskij di Mosca nel 2015, George Li ha solo 23 anni, ha studiato ad Harvard e si è esibito alla Casa Bianca davanti a Obama. La registrazione esclusiva presentata dal “mensile della grande musica” è stata realizzata dal vivo durante l’edizione 2017 del Festival di Verbier. Nel cd inedito quattro capisaldi delle letteratura pianistica di tutti i tempi come le Sonate op. 10 n. 2 e op. 57 “Appassionata” di Beethoven e il Sonetto 107 del Petrarca e Les jeux d’eaux à la Villa d’Este di Liszt.

    L’album in download ci invita invece a scoprire il repertorio meno conosciuto e frequentato di Niccolò Paganini: quello delle musiche per chitarra e violino, magistralmente riproposto dal duo formato da Giuseppe Spalletta e Federica Mosa.

    Oltre alle consuete rubriche e ai tanti approfondimenti, da non perdere nelle pagine del numero di luglio di Amadeus l’inserto “Speciale Festival d’Estate”: tappe, riti, ispirazioni e passioni 

    del viaggiatore musicale su e giù per la penisola e un’intervista a Francesco Perrotta, presidente di ItaliaFestival: la realtà che associa rassegne musica teatro e danza, capaci di generare turismo culturale e muovere l’economia diffusa. Un fenomeno in crescita, una realtà viva in Italia e in Europa. 

    E poi: un omaggio per immagini e parole a Franco Zeffirelli, appena scomparso, con le note di regia della sua ultima Traviata,  un ritratto di Herbert von Karajan (1908 – 1989) l’imperatore dei suoni che cambiò il ruolo sociale del direttore d’orchestra a 30 anni dalla scomparsa; un’intervista esclusiva al mezzosoprano Marina Viotti stella emergente del teatro d’opera internazionale figlia (e sorella) d’arte, e un incontro con l’attrice Sonia Bergamasco, un passato da pianista e un fresco di debutto nella regia del teatro d’opera .

  • product-imageproduct-image

    Riders 123 Edizione digitale

    2,50
    2,50

    SOMMARIO:

    In prima

    Swank, 4 mori 4 tempi
    Sprinter style

    In seconda

    Tre. Su tre ruote
    Helmets for India
    Miscela al 2%

    In terza

    Per un pieno di kilowatt
    Racing Sophia Flörsch
    Racing Jonas Folger
    La voce del Kondor
    Coi polsi che tremano

    In quarta

    Moda
    Still Life
    Market
    Watch

    In quinta

    Brr… 1000 bolle blu
    Out of water, i’M nothing
    Point Break

    In sesta

    Francesco Montanari
    Giada Beccari
    Filippo La Mantia
    Alberto Ceccotti
    Francesco Veneziani

    La folle

    Where bikes and culture meet