AMADEUS cartaceo

Edicola Arretrati di Amadeus il mensile della grande musica.
Fu il primo ad allegare un cd inedito a un periodico dedicato alla musica e questa è stata la formula del suo successo.

A venticinque anni di distanza la rivista, interamente rinnovata nella veste grafica, ha mantenuto inalterato il rigore scientifico proponendo ai propri lettori un repertorio spesso trascurato dalla discografia ufficiale.

Oggi Amadeus è il più diffuso mensile musicale in Italia e gode dell’apprezzamento delle più alte personalità del mondo culturale.

È disponibile nella maggior parte delle biblioteche pubbliche, oltre a essere l’unico periodico di argomento musicale presente nella Biblioteca Vaticana.

Visualizza carrello “AmadeusAgosto 2018edizione cartacea” è stato aggiunto al tuo carrello.
Filter

Showing 1–12 of 23 results

  • product-imageproduct-image

    Amadeus
    Maggio 2019
    edizione cartacea

    11,00
    11,00

    Un virtuoso dell’archetto alle prese con uno dei massimi capolavori della letteratura ottocentesca: è Julian Rachlin il protagonista del cd di copertina del numero di maggio di Amadeus (in edicola dal’8 maggio). La collaborazione del mensile della grande musica con il Maggio Musicale Fiorentino si rinnova con un’incisione inedita che affianca il Concerto per violino e orchestra op. 64 alla Sinfonia n. 3 op. 56 “Scozzese” di Mendelssohn.

    Sul podio, a guidare il violinista tedesco e la compagine orchestrale di Firenze, un grande direttore: il compianto Jeffrey Tate, musicista inglese di raffinata sensibilità ed esperienza, protagonista di un lungo e fortunato sodalizio con il Maggio: una doppia registrazione dal vivo che esalta il carattere nel contempo poetico e vibrante del genio di Mendelssohn.

    Nell’album in download la pianista María Dolores Gaitán “gioca in casa” e ci invita a intraprendere un lungo viaggio musicale alla scoperta delle “Immagini della Spagna attraverso la danza”, con una raccolta di pagine di grande fascino firmate da Granados, Falla, Turina e Albéniz.

    Oltre alle consuete rubriche e ai tanti approfondimenti, da non perdere nelle pagine del numero di maggio di Amadeus l’inserto “Speciale Mecenati. Sostenere la Musica” dedicato a tutte le declinazioni di un rapporto sempre più forte e necessario: quello tra sponsor, mecenati, teatri d’opera e organizzatori musicali. Dalle Fondazioni liriche alle società di concerti: con interviste esclusive a Cristiano Chiarot e Carlo Fuortes.

    E poi: un incontro con Ferzan Ozpetek, un grande regista tra opera e cinema, il racconto di una storia italiana tutta da scoprire, quella dell’Orchestra Sinfonica dei Quartieri Spagnoli, un ritratto del compositore Albert Roussel a 150 anni dalla nascita, l’edizione 2019 di Piano City Milano e un’intervista a voce emergente da non perdere di vista, il soprano Salome Jicia.

  • product-imageproduct-image

    Amadeus
    Aprile 2019
    edizione cartacea

    11,00
    11,00

    Un pianista in copertina: il disco allegato al nuovo numero di Amadeus (in edicola dall’8 aprile) porta alla luce il talento di Antonii Baryshevskyi, giovane gigante della tastiera che si è già imposto sulla ribalta concertistica internazionale. Nel disco inedito realizzato in esclusiva con la Fondazione Musica Insieme di Bologna e con il Varignana Music Festival, il 31enne pianista ucraino ha impaginato un programma interamente dedicato a Fryderyk Chopin: sul leggio i «24 gioielli» – come li definisce lui – della raccolta dei Preludi op. 28, lo Scherzo n. 2 op. 31 e le Mazurke op. 7 n. 1, op. 30 n. 3, op. 56 n. 2, op. 68 n. 2 e op. 68 n. 4. Musiche sublimi per un’interpretazione che dimostra tecnica solidissima, grande sensibilità e profondità di pensiero.

    È invece tutto mozartiano il programma dell’album in download; il violino di Kaori Ogasawara e la viola di Emilio Eria si cimentano nella splendida Sinfonia concertante in mi bemolle maggiore K 364 di Wolfgang Amadeus Mozart,  sotto la guida di Serafino Tedesi, che dirige la Infonote Orchestra in un altro grande capolavoro del compositore di Salisburgo, la Sinfonia n. 41 in do maggiore K 551 “Jupiter”.

    Oltre alle consuete rubriche e ai tanti approfondimenti, da non perdere nelle pagine del numero di aprile di Amadeus il primo di una serie di inserti “Speciali” dedicato al Salone del Mobile di Milano, che racconta il legame tra musica e design con interviste e interventi esclusivi di Alexander Pereira, Matteo Thun, Claudio Luti.

    E poi un incontro con il regista italiano del momento, Fabio Cristich, la musica a Versailles dal re Sole a oggi, Torino e i 25 anni di Lingotto Musica, il nuovo Concorso di Composizione dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia intitolato a Luciano Berio, e un’intervista all’eclettico Raphael Merlin, violoncellista, compositore e direttore dell’orchestra variabile Les Force Majeures.

  • product-imageproduct-image

    Amadeus
    Marzo 2019
    edizione cartacea

    11,00
    11,00

    Un mensile. Due copertine. Tre dischi.

    Grandi novità per il numero di marzo di Amadeus. Per la prima volta i lettori troveranno in edicola (dal 6 marzo) “il mensile della grande musica” con una doppia cover story.

    Nella versione “Classic” la raffinata musica da camera di Ernest Chausson, capace di evocare impressioni e atmosfere di una Francia fin de siècle: il Concerto per violino, pianoforte e quartetto d’archi op. 21 e il Quartetto in do minore per archi op. 35. La registrazione inedita ha come protagonisti un affiatato gruppo di musicisti internazionali: i Philharmonia Chamber Players, quartetto formato da prime parti della Philharmonia Orchestra di Londra, un grande violinista italiano Gabriele Pieranunzi e la pianista cinese Jin Ju.

    Nel cd allegato alla Special Issue targata OVS Art of Italy le cinque voci femminili di Amadeus Factory – il talent show della classica firmato Amadeus – interpretano insieme a un testimonial d’eccezione, Elio, un’antologia di arie d’opera: Rossini, Bellini, Donizetti, Verdi e Puccini (Stefano Ligoratti dirige i Solisti  di Milano Classica).

    Nel terzo album in download, l’inedito incontro tra due strumenti apparentemente lontani: la marimba e il pianoforte. Con Angelo La Manna e Francesco Bissanti, un progetto originale nel segno di Gershwin, Saint-Saëns, Satie, Debussy e Rachmaninov.

    Oltre alle consuete rubriche e ai tanti approfondimenti, da non perdere nelle pagine del numero di marzo di Amadeus, il legame tra musica e moda con le immagini del film-biografia Alexander McQueen, ritratto del rivoluzionario stilista inglese  con la colonna sonora di Michael Nyman, un’anticipazione del primo libro della violinista Francesca Dego, l’anniversario Berlioz150Claudio Abbado cinque anni dopo la scomparsa,  un intervista al direttore d’orchestra Omer Meir Wellber dopo la sua nomina alla guida del Teatro Massimo di Palermo e la drammatica storia della donna che fu primo violino dell’Orchestra di Auschwitz.