AMADEUS arretrati
Filter

Showing 1–12 of 30 results

  • product-imageproduct-image

    Settembre 2017

    11,00
    11,00

    Nel segno del Barocco. È il Messiah, la più celebre ed eseguita composizione del grande Georg Friedrich Händel, il titolo protagonista del doppio cd proposto dal nuovo numero di Amadeus – Il Mensile della Grande Musica.

    In copertina Giulio Prandi, il quarantenne, appassionato ed esperto direttore del Ghislieri Choir & Consort, la compagine musicale che è punta di diamante dell’attività culturale dell’antico Collegio Ghislieri di Pavia, gloriosa istituzione italiana che celebra i suoi 450 anni proprio nel 2017.

    Tre dischi inediti per i lettori di Amadeus questo mese: nel disco in download “Scherzando” si viaggia tra gli Scherzi sinfonici di Schubert, Gounod, Beethoven, Bruckner, Dvořák, Verdi e Rachmaninov con I Corni della Scala diretti da Angelo Sormani.

    Da non perdere nelle pagine del numero di settembre di Amadeus – Il Mensile della Grande Musica l’intervista esclusiva a Franco Zeffirelli, testimone eccellente che ricorda la “sua” Maria Callas: a 40 anni dalla morte la forza, la fragilità, la voce, la presenza scenica, le guerre, gli amori e il declino di una donna nel mito.


    RIVISTA + CD 1

  • product-imageproduct-image

    Agosto 2017

    11,00
    11,00

    Un talento italiano da conoscere e seguire. Il giovane pianista Nicola Losito,  a soli 21 anni è il protagonista della copertina del nuovo numero di Amadeus, in edicola da domani martedì 1 agosto.

    Studi rigorosi, l’affermazione in concorsi prestigiosi, uno sguardo profondo sul mondo e un piglio deciso sulla strada musicale intrapresa.

    In questo interprete, già personale e maturo nonostante l’età, diligenza e perseveranza si uniscono all’entusiasmo irripetibile della giovinezza

    Nel cd inedito allegato alla rivista, Losito affronta un impegnativo programma solistico nel segno inconfondibile di Robert Schumann: gli Studi sinfonici op. 13 e Il Carnevale di Vienna op. 26, capolavori assoluti della letteratura pianistica di tutti i tempi.

    Da non perdere nelle pagine del numero di agosto di Amadeus, oltre alle consuete rubriche e approfondimenti sul mondo della “grande musica”, un inedito ritratto di Leonard Bernstein, un reportage esclusivo dall’Iran dove è rinata l’Orchestra Sinfonica di Teheran, un viaggio in Inghilterra dietro le quinte dell’aristocratico ed eccentrico Festival di Glyndebourne.


    RIVISTA + CD COPERTINA

  • product-imageproduct-image

    Luglio 2017

    11,00
    11,00

    È un musicista italiano che il mondo ci invidia, Alessandro Carbonare, il protagonista della copertina del nuovo numero di Amadeus, in edicola da domani venerdì 30 giugno.

    Il clarinettista, punta di diamante dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, solista celebre, docente entusiasta, sempre in cerca di nuove avventure musicali ha scelto come compagni di viaggio del suo nuovo progetto discografico i giovani Luca Cipriano e Perla Cormani.

    Nel cd inedito allegato alla rivista, l’Alessandro Carbonare Clarinet Trio propone un programma accattivante e originale di straordinaria godibilità: musiche per corno di bassetto di Wolfgang Amadeus Mozart (due Divertimenti K 439b e arrangiamenti da Le nozze di Figaro, Don Giovanni e Il flauto magico).

    Da non perdere nelle pagine del numero di luglio di Amadeus l’ intervista esclusivaRiccardo Muti, che dopo sette anni dirige di nuovo un’opera in forma scenica al Festival di Salisburgo dove l’attesa è alle stelle. E che continuerà la sua lezione su Aida alla “sua” Italian Opera Academy. Il grande direttore d’orchestra dichiara ad Amadeus: «La cultura (se fatta bene, senza sperperi) porta denaro. C’è bisogno di equilibrio, non devono esserci cose inutili».

    Altro incontro esclusivo quello con Mariella Devia, grande soprano, cantante idolatrata eppure antidiva per eccellenza, che annuncia ad Amadeus di essere pronta a dare l’addio alle scene.


    RIVISTA + CD COPERTINA

  • product-imageproduct-image

    Giugno 2017

    11,00
    11,00

    È la pianista Yuya Wang, vera star del concertismo internazionale, la protagonista della copertina del nuovo numero di Amadeus, in edicola a giugno. Nel cd inedito allegato alla rivista, frutto di una collaborazione unica tra la testata e il prestigioso Verbier Festival, rassegna svizzera tra le maggiori del panorama internazionale, una parata di stelle: oltre a Yuja Wang, che al fianco di Lynn Harrel è impegnata nella Sonata op. 19 per violoncello e pianoforte di Sergej Rachmaninov, András Schiff alla testa della Verbier Festival Chamber Orchestra nella Sinfonia n.88 di Haydn e un “quartetto delle meraviglie”: i pianisti Martha Argerich, Evgenij Kissin, James Levine e Mikhail Pletnev che interpretano il Concerto BWV 1065 di Johann Sebastian Bach con la Verbier Festival Birthday Orchestra.


    RIVISTA + CD COPERTINA + CD DOWNLOAD

  • product-imageproduct-image

    Maggio 2017

    11,00
    11,00

    È dedicato a Carlo Farina, straordinario, misterioso e affascinante compositore-violinista del ’600 italiano ed europeo, il cd di copertina del numero di maggio di Amadeus.
    L’Ensemble Theorema, nuovo progetto di un musicista rigoroso e appassionato come Roberto Gini – interprete di alcuni dei grandi successi della storia di Amadeus – affronta alcuni capolavori inediti di Farina e ripropone anche il suo celebre Capriccio Stravagante, prototipo barocco della musica a programma.
    Nella rivista, da non perdere, un’intervista esclusiva a Christophe Rousset che festeggia i 25 anni dei suoi Talens Lyrique, un ritratto del direttore Carl Schuricht, la digitalizzazione dello storico Archivio Ricordi, la violista Maddalena del Gobbo, Martin Lutero e la musica a 500 anni dalla Riforma e un viaggio tra le note, ma non solo, ad Abu Dhabi.

    RIVISTA + CD COPERTINA + CD DOWNLOAD

    Con il codice che trovi sulla rivista potrai scaricarti gratuitamente la versione digitale di tutti i contenuti

  • product-imageproduct-image

    Aprile 2017

    11,00
    11,00

    È Fabio Luisi, direttore musicale designato del Maggio Musicale Fiorentino, il protagonista della copertina e del cd del numero di aprile di Amadeus in edicola alla vigilia dell’80ª edizione dello storico Festival toscano che si inaugura il 24 aprile.
    Il direttore, alla guida dell’Orchestra e del Coro della Fondazione lirica fiorentina, interpreta nel prezioso cd inedito allegato alla rivista la Fantasia Corale op. 80 di Beethoven con il pianista Andrea Lucchesini e la Quarta sinfonia di Brahms.
    Il download, “Chant sans paroles”, vede protagonisti Anna Serova (viola) e Filippo Faes (pianoforte), un duo la cui intesa è nata ben 15 anni fa e continua nel segno della musica russa, da Čajkovskij a Rachmaninov.

    RIVISTA + CD

  • product-imageproduct-image

    Marzo 2017

    11,00
    11,00

    Una delle chiavi di volta della storia della musica è costituita dai Concerti Grossi op. VI di Arcangelo Corelli. Dopo la storica versione proposta da Amadeus nel 1998 con l’aggiunta degli strumenti a fiato, nell’interpretazione di Federico Maria Sardelli e dell’ensemble Modo Antiquo (nomination al Grammy Award), il ritorno alla versione per archi, così come è codificata dalla tradizione, era doveroso, ineludibile e, possiamo dire, imposto dalla magistrale interpretazione di Ottavio Dantone e dell’Accademia Bizantina.
    Il download è dedicato alla più popolare delle forme di danza: il valzer. Il pianista Luigi Palombi ce ne dà un saggio con un percorso che da Schubert a Ravel, da Clementi a Godowsky ricostruisce mondi lontani che il sottile file rouge di un ritmo tiene legati tra loro.

    RIVISTA + CD

  • product-imageproduct-image

    Febbraio 2017

    11,00
    11,00

    Lorenzo Perosi, uno dei protagonisti della musica del Novecento è su Amadeus di febbraio in una veste poco frequente: quella di autore di musica sinfonica. A sessanta anni dalla morte la città di Tortona ha celebrato nel 2016 l’illustre concittadino dedicandogli importanti celebrazioni. Il cd allegato questo mese ad Amadeus, è il risultato tangibile degli eventi organizzati per la ricorrenza.
    Interpreti di prestigio come l’Orchestra del Regio di Torino, il maestro Donato Renzetti e il pianista Umberto Battegazzore, hanno dato vita a un’indimenticabile serata eseguendo il Concerto per pianoforte e orchestra e la Suite sinfonica Venezia che, registrati dal vivo, hanno portato al grande pubblico di Amadeus un compositore che merita attenzione non solo per le sue opere di musica sacra.

    RIVISTA + CD

  • product-imageproduct-image

    Gennaio 2017

    11,00
    11,00

    “L’arte della musica seppellì qui un ricco tesoro ma ancor più belle speranze”. Questo è l’epitaffio che Franz Grillparzer dettò per la tomba di Schubert. Lo cita Cesare Fertonani nel suo articolo pubblicato da Amadeus di gennaio in concomitanza con l’uscita del cd che Giovanni Sollima e il Quartetto Bernini hanno dedicato al Quintetto per archi in do maggiore del grande compositore viennese. È quindi di nuovo la grande musica che dà il via al nuovo anno e Amadeus ancora una volta non si smentisce proponendo ai propri lettori uno dei massimi capolavori della letteratura cameristica di tutti i tempi. Un occasione per ascoltare il violoncello di Giovanni Sollima in alcune parafrasi su Gretchen am spinnrade. Una chicca da non perdere.

    RIVISTA + CD

  • product-image

    Dicembre 2016

    11,00
    11,00

    I sentieri della musica che Amadeus, mese dopo mese da ben 27 anni, percorre con i propri lettori conducono a mete talvolta impreviste e segrete, come quella che riguarda Felice Giardini, protagonista, insieme con Johann Christian Bach, del cd di copertina di Amadeus di Dicembre, che segna anche il gradito ritorno di Giuliano Carmignola, che con il nostro mensile ha inciso l’integrale dei Concerti per violino e orchestra di Mozart (Amadeus n. 100). Di Felice Giardini Carmignola, con l’Accademia dell’Annunciata diretta da Riccardo Doni, propone tre Concerti dell’opera 15. Accanto a Giardini, il più noto tra i figli di Bach: Johann Christian con la Sinfonia n. 6 op. 6. Nel download un’inedita antologia di compositori legati alla città di Napoli eseguiti all’organo da Gabriele Pezone. Una proposta originale di rarità musicali dovute a Zipoli, Scarlatti, Paisiello, e ad altri importanti compositori a cavallo tra Settecento e Ottocento. Nella rivista da non perdere l’Agorà di Riccardo Chailly, Mozart a 225 anni dalla morte, Florence Jenkins (un soprano senza voce).

    RIVISTA + CD

  • product-image

    Novembre 2016

    11,00
    11,00

    Il “Jeux d’eau” di Irene Veneziano, giovane e valente pianista italiana, è un gioco di note che seguendo un programma interamente dedicato all’acqua, ripercorre un tratto importante della storia della musica utilizzando gli effetti che solo gli arpeggi di un pianoforte o di un’arpa possono imitare. Risulta evidente che l’acqua è l’elemento che più di ogni altro ha ispirato i musicisti di ogni tempo e paese: da Chopin a Ravel, da Mendelssohn ad Alkan, da Liszt a Debussy, tanto per citare i primi dei nomi presenti in quest’ affascinante e raffinata antologia. Ma l’interesse del numero in edicola a Novembre non è riservato solo al cd di copertina. Anche il download è da ascoltare con attenzione per due motivi: è dedicato al grande Johann Sebastian Bach ed è eseguito dai giovani percussionisti dell’Accademia del Teatro alla Scala guidati da Giuseppe Cacciolla.

    RIVISTA + CD

  • product-image

    Ottobre 2016

    11,00
    11,00

    Anche con il numero di ottobre Amadeus apre nuove prospettive alla musica della vostra discoteca. Ai patiti del Barocco brilleranno gli occhi per la contentezza leggendo i nomi dei protagonisti del cd di Amadeus: Jordi Savall, Ton Koopman, Ariane Maurette e Opkinson Smith eseguono musiche di Louis de Caix d’Hervelois, un compositore che esce da un lungo e ingiusto oblio con opere che non vi stancherete di ascoltare. Anche gli appassionati della musica romantica avranno un ottimo e imperdibile ascolto con i Concerti di Bruch e Brahms: il download propone i due capolavori della letteratura violinistica, interpretati da giovane Maristella Patuzzi e dall’Orchestra Mitteleuropea “Lorenzo da Ponte” diretta da Roberto Zarpellon. Nella rivista, da non perdere “Scalpello e Cesello” ovvero a Lezione da Muti e gli “Emergenti di Salisburgo”.

    RIVISTA + CD