EDICOLA ARRETRATI

Edicola arretrati di Bel Vivere. Le riviste che puoi trovare sono Amadeus e Watch Digest.

Il gruppo editoriale Bel Vivere Srl, azienda di intrattenimento leader nella erogazione di contenuti premium tradizionali e digitali nonché nella organizzazione di eventi di prestigio nella community amante del Bel Vivere Italiano, ovvero musica classica, arte, golf, sci e food, fa parte del Polo Intrattenimento di Cose Belle d’Italia.

Filter

Showing 1–12 of 53 results

  • product-imageproduct-image

    AmadeusSettembre 2018edizione cartacea

    11,00
    11,00

    Un musicista italiano famoso nel mondo: è Giovanni Antonini con il suo flauto il protagonista della copertina del nuovo numero di Amadeus di settembre.

    Il direttore d’orchestra e flautista conteso dai palcoscenici internazionali presenta con Il Giardino Armonico, in esclusiva e in anteprima assoluta per Amadeus, un progetto discografico anomalo e innovativo che ha il sapore di un’avventura artistica straordinaria: il concept album La morte della Ragione.

    Alla guida di uno dei più importanti gruppi specializzati nell’esecuzione con strumenti d’epoca al mondo, Antonini conduce l’ascoltatore e il lettore di Amadeus attraverso un’esperienza indimenticabile, un “Viaggio musicale tra XV e XVII secolo, da Desprez a Gesualdo da Venosa”.

  • product-imageproduct-image

    AmadeusAgosto 2018edizione cartacea

    11,00
    11,00
    Un violoncello e un pianoforte per Chopin e Debussy: è questo raffinato e inconsueto abbinamento il protagonista del  numero di agosto di Amadeus.
    In esclusiva nel disco allegato al “mensile della grande musica”, l’incisione dell’integrale delle opere per pianoforte e violoncello di Fryderyk Chopin e Claude Debussy svela all’ascoltatore insospettabili affinità, pur mantenendo distinte la cifre stilistiche dei due compositori.
  • product-imageproduct-image

    Watch Diget
    Luglio 2018
    edizione cartacea

    8,00
    8,00

    Come sei diventano un appassionato di orologeria?

    Quale molla ti è scattata perché ti entusiasmassi per questo mondo bizzarro, fatto di lancette, ruote, metallo ed emozioni?

    Quante volte negli ultimi trent’anni avrò fatto queste domande? Infinite.

    La sorpresa è nella risposta, più o meno sempre la stessa: «Ho visto una vetrina. Ho letto una rivista. Ho visto un oggetto strano al polso di un mio amico e mi sono incuriosito.

    Poi tutto è venuto da sé e non potrei più farne a meno».

  • product-imageproduct-image

    Amadeus
    Luglio 2018
    edizione cartacea

    11,00
    11,00

    Un jazzista in copertina: è Paolo Fresu con la sua tromba il protagonista del nuovo numero di Amadeus.

    Una sorpresa per i lettori: Amadeus per la prima volta nella sua trentennale storia dedica il cd allegato a un progetto che, abbattendo le barriere tra generi e forme, attraversa i secoli dal 1200 a oggi per parlare il linguaggio della “grande musica”: «Altissima Luce».

  • product-imageproduct-image

    AmadeusGiugno 2018edizione cartacea

    11,00
    11,00

    Gabriel Fauré: è dedicato all’integrale delle opere per violino e pianoforte del compositore francese il cd di copertina del numero di Amadeus di giugno 2018 attualmente in edicola.

    In esclusiva per  “il mensile della grande musica” il violinista Francesco Senese – interprete italiano dal curriculum internazionale formatosi alla magistrale scuola di Claudio Abbado e delle sue orchestre – e il pianista André Gallo offrono in questa  registrazione inedita una raffinata e ispirata lettura delle Sonate op. 13 e op. 108, della Berceuse op. 16, della Romance op. 28, dell’Andante op. 75 e del Morceau de Lecture.

  • product-imageproduct-image

    Amadeus
    Maggio 2018
    edizione cartacea

    11,00
    11,00

    Grandi solisti: è il violinista siberiano Vadim Repin, il protagonista del nuovo numero di Amadeus in edicola dal 3 maggio. In occasione dei 25 anni del Verbier Festival “il mensile della grande musica” presenta una memorabile interpretazione “live”, pubblicata in esclusiva da Amadeus.

    Repin insieme alla Verbier Festival Orchestra diretta da Kurt Masur offre la sua inconfondibile lettura  di un caposaldo della letteratura violinistica, il Concerto op. 61 di Ludwig van Beethoven, testimonianza del valore e del prestigio di una rassegna internazionale che da un quarto di secolo è palcoscenico di grandi interpreti e fucina di talenti assoluti. La registrazione inedita è completata dalle virtuosistiche Variazioni per violino solo su un tema di Paisiello per violino solo di Niccolò Paganini.

  • product-imageproduct-image

    Amadeus
    Aprile 2018
    edizione cartacea

    11,00
    11,00
    È Zubin Mehta, uno dei più grandi direttori d’orchestra del nostro tempo,  il protagonista del numero di Aprile.
    Il “direttore onorario a vita” dell’Orchestra del Maggio Musicale guida la compagine fiorentina in un’interpretazione della Quarta sinfonia “Romantica” di Anton Bruckner che testimonia l’assoluto valore artistico e musicale di un legame che dura da più di 60 anni.

    La registrazione inedita – pubblicata in esclusiva da Amadeus – è stata realizzata dal vivo durante l’edizione 2017 del Festival del Maggio Musicale Fiorentino.

    Nel consueto album in download un affascinante viaggio tra le antiche sonorità del liuto:  Ugo Nastrucci, artista eclettico e originale ci guida alla scoperta delle musiche del compositore tardo-rinascimentale Simone Molinaro (1565 – 1615) interpretando pagine del Libro primo di intavolatura di liuto, tra Balli, Fantasie, Gagliarde, Pass’e mezi e Saltarelli.

    Oltre alle consuete rubriche e ai tanti approfondimenti, da non perdere nelle pagine del numero di aprile di Amadeus, il racconto del rapporto tra Giuseppe Verdi e la politica, l’imminente uscita di Maria by Callas un nuovo, straordinario film-documentario sul mitico soprano, un’interviste esclusiva a Vladimir Ashenazy e il nuovo archivio digitale sonoro dedicato alla storia della canzone italiana.

  • product-imageproduct-image

    Watch Diget
    Marzo 2018
    edizione cartacea

    8,00
    8,00

    Destrutturare sembra una parola complessa, in realtà esprime un concetto semplice: scomporre una struttura negli elementi che la compongono, in genere allo scopo di riorganizzarla perché soddisfi nuove esigenze.

  • product-imageproduct-image

    Amadeus
    Marzo 2018
    edizione cartacea

    11,00
    11,00
    È un filo che unisce passato e presente, storia e attualità, il Leitmotiv del disco di copertina del nuovo numero di Amadeus.
    Autentici tesori del ’700 strumentale, due Concerti inediti di Giuseppe Tartini (1692 – 1770) rivedono la luce dopo oltre due secoli di oblio nell’interpretazione viva e moderna di una brillante e giovane  violinista italiana già affermata a livello internazionale, Laura Marzadori e della Nuova orchestra da camera Ferruccio Busoni diretta da Massimo Belli.
    Nel consueto album in download un altro talento da scoprire: il pianista Marco Ciampi affronta il vertiginoso repertorio solistico di Sergej Rachmaninov.
    Oltre alle consuete rubriche e approfondimenti, da non perdere nelle pagine del numero di marzo di Amadeus, una breve e sulfurea Storia del “diabolico” in musica, i ritratti di Marius Petipa e Leopold Stokowski, le interviste esclusive al controtenore Franco Fagioli e alla pianista Gloria Campaner, l’omaggio a Massimo Mila e un’inedita, straordinaria galleria fotografica dedicata a Rudolf Nureyev.
  • product-imageproduct-image

    Amadeus
    Febbraio 2018
    edizione cartacea

    11,00
    11,00

    Un  pianista come nessun altro, poeta della tastiera, solista indimenticabile. È Aldo Ciccolini il protagonista del nuovo numero di Amadeus in edicola di febbraio. In una registrazione esclusiva dal vivo il cd allegato al “mensile della grande musica” propone una delle sue ultime apparizioni in pubblico, poche settimane prima della scomparsa avvenuta il 1 febbraio 2015.

    RIVISTA + CD

  • product-imageproduct-image

    Amadeus
    Gennaio 2018
    edizione cartacea

    11,00
    11,00
    Due grandi solisti italiani in copertina. Sono il violoncellista Mario Brunello e il violinista Giuliano Carmignola, affiatati compagni di tante avventure artistiche, i protagonisti del nuovo numero di Amadeus in edicola dall’ 10 gennaio. Nel cd allegato al “mensile della grande musica” una registrazione esclusiva dal vivo nel segno di Brahms: Brunello, Carmignola e l’Orchestra della Toscana diretta da Donato Renzetti eseguono il Concerto per violino, violoncello e orchestra in la minore op. 102 e il Sestetto per archi in si bemolle maggiore n. 1 op. 18. 
    E nel consueto download, a 25 anni dalla prima indimenticata pubblicazione, ritorna la  gloriosa incisione delle Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi firmata da Giuliano Carmignola e i Sonatori della Gioiosa Marca. 
    Oltre alle consuete rubriche e approfondimenti da non perdere nelle pagine del numero di gennaio di Amadeus una breve Storia del Valzer, un focus sul Musical e la sua evoluzione, un ritratto del grande soprano francese Régine Crespin, un’intervista a Michael Nyman, nuovo “composer in residence” della Pinacoteca di Brera e un emozionante reportage dalla Cambogia, dove un popolo rinasce grazie all’arte e alla musica. 

    RIVISTA + CD
  • product-imageproduct-image

    Watch Digest
    Dicembre 2017
    edizione cartacea

    8,00
    8,00

    Con questo numero, Watch Digest tagli il traguardo del suo primo anno in questa nuova veste.

    Sono stati 365 giorni importanti, molto più vitali di quanto ci saremmo aspettati, specie dopo i disastri vari che il 2016 aveva portato con sé.

    È stato l’anno del record, del giro delle poltrone, degli smartwatch che hanno conquistato solo la loro nicchia (e basta), dei quadranti panda e dell’acciaio.

    L’anno in cui gli italiani sono tornati ad affacciarsi nelle orologerie, l’anno dei cinesi, dei coreani, degli americani. L’anno che speravamo fosse e quello che temevamo sarebbe stato.

    L’anno che sembrava un nuovo inizio, dove si è comunicato tanto in digitale senza vedere un risultato tangibile degno di questa parola, dove l’e-commerce ha fatto sorgere mille dubbi agli acquirenti invece che semplificare la loro vita.

    L’anno di chi crede ancora nella manifattura, di chi sa fare gli orologi, di chi li sa vendere e anche di chi li sa comprare. L’anno di chi si appassiona e si emoziona e noi siamo tra quelli.

    In fondo, come diceva Shakespeare, siamo fatti della sostanza di cui sono fatti i sogni e sinceramente, non abbiamo nessuna intenzione di diventare altro.

    Buone lancette a tutti